Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Febbraio 2020

Ecco come capire il cliente. I diversi punti di vista della Business Analysis

James Robertson by James Robertson

Requisiti, sistemi e soluzioni. Come aiutare i business analyst a comprendere le vere esigenze del cliente, mettendo in discussione processi e abitudini consolidate per suggerire soluzioni alternative e cogliere nuove opportunità di sviluppo

Supponiamo che si stia lavorando a un progetto per un Comune su come migliorare il modo in cui in autunno vengono ripulite le strade dalle foglie. Viene detto che si intende usare macchine soffiatrici più moderne al posto delle scope utilizzate attualmente. Da dove si inizia? Tutto dipende dall’esperienza accumulata e dalla conoscenza disponibile su sistemi simili. Il cliente, nel nostro esempio il Comune, ha un punto di vista focalizzato su una soluzione, ma non ha spiegato qual è il problema. La richiesta è “macchine più moderne per soffiare le foglie”. Ma perché le vogliono? Quali sono i vantaggi che il Comune vuole ottenere da questa soluzione? Se siete capaci di rispondere a questa domanda, siete sulla buona strada per scoprire il vero problema da affrontare. E una volta scoperto il vero problema, forse si aprirà la strada anche a un ventaglio di possibili soluzioni - di solito migliori - che fino a quel momento non erano state prese in considerazione. Un modo efficace per scoprire il vero problema è iniziare con la soluzione che il cliente ha chiesto e usarla come base per scoprire il vero problema. Si può iniziare facendo uno schizzo approssimativo per rappresentare la soluzione richiesta dal cliente, disegnandolo con lui e usando la sua terminologia. Se non si è sicuri delle proprie capacità di disegno, si potrà annotare l’immagine con le parole del cliente. “Ciascun spazzatore di foglie ha un programma giornaliero delle aree da ripulire. Voglio che usino macchine soffiatrici nuove per soffiare le foglie in mucchi. Quindi probabilmente dovranno spazzare le foglie in mucchi ordinati. Quando hanno abbastanza mucchi di foglie, telefonano alla sede centrale e comunicano che le foglie sono pronte per essere raccolte dai camion. Quindi all’arrivo del camion, le foglie saranno messe nei sacchi, che saranno caricati e conferiti al produttore di fertilizzanti”. Una volta stabilite le linee di comunicazione, è possibile porre alcune domande per sondare più in profondità. Analista: «Perché volete che utilizzino un nuovo tipo di soffiatrici»? Cliente: «Altri Comuni li usano e vogliamo essere aggiornati. E vogliamo accelerare il tempo necessario per preparare i mucchi di foglie che i conducenti possano raccogliere». Analista: «Perché occorre essere più veloci»? Cliente: «Non vogliamo che il ritiro delle foglie venga ritardato. Il tempo è imprevedibile, e se piove e c’è vento, le foglie rendono i marciapiedi molto scivolosi e fanno cadere i pedoni: abbiamo già avuto molti incidenti». Analista: «Quindi dobbiamo fare tutto il possibile per accelerare la rimozione delle foglie dai percorsi ed evitare incidenti». Cliente: «Questo è ciò che dobbiamo fare». Parlando con il cliente in termini di ciò che ha chiesto, si inizia ad avere una migliore comprensione di ciò di cui ha veramente bisogno.

Analisi della situazione - Per capire di più sulle esigenze del cliente, è spesso una buona pratica dare un’occhiata a come il lavoro viene svolto. Occorre scoprire chi sono le persone impegnate nell’ambito del progetto. Chi sono i dipendenti comunali che attualmente spazzano le foglie, chi sono i loro manager, quali altre parti dell’organizzazione sono coinvolte, qual è l’area geografica, quale tecnologia usano attualmente per la rimozione delle foglie, quali sistemi software e hardware hanno. Tutte domande su come le cose funzionano o non funzionano. Ci sono un numero infinito di domande che si potrebbero porre. E per questo, serve un modo per sapere quali domande fare e quanto lontano si può andare. Si può provare a testare la comprensione del problema, vedendo se si riesce a rispondere a queste tre domande: Si riesce a identificare l’ambito del sistema su cui bisogna investigare? Si riesce a identificare le parti interessate in questo sistema? Si riesce a comprendere perché il Comune vuole realizzare questo progetto? Alla fine, si è capito che bisogna fare tutto il possibile per accelerare la rimozione delle foglie dai sentieri ed evitare incidenti. Avere un punto di vista sulla “situazione attuale” permette di capire l’organizzazione, le ragioni del cambiamento e le modifiche da adottare. Se si conosce a fondo l’organizzazione, si potrà accedere alla vista “How Now” in maniera più rapida.

Il punto di vista “What Now”- Si può mettere alla prova la propria comprensione del vero problema o della reale opportunità di business, concentrandosi sul punto di vista “What Now”. Questo punto di vista non riguarda il modo in cui il lavoro viene svolto, ma cosa dovrebbe essere fatto ora, indipendentemente da come lo si fa. Questo passaggio è spesso indicato come il punto di vista essenziale e si concentra sulle regole e sulle procedure che dovrebbero essere eseguite e sui dati che dovrebbero essere ricordati, indipendentemente da come viene svolto il lavoro.

Il punto di vista “Future What” - Il cliente ha comunicato le regole attualmente adottate. Tuttavia, si potrebbe essere in grado di suggerire regole nuove e migliorate che sarebbero più vicine a ciò di cui il cliente ha bisogno per risolvere il problema. Vale la pena fermarsi qui per fare una riflessione: se il cliente non adotta nuove regole di business innovative, è sicuramente responsabilità dell’azienda? Questo è vero, ma il problema è che il cliente è di solito troppo vicino al punto di vista “How now” per identificare e chiedere qualcosa di diverso. Tuttavia, una volta che l’analista presenta i suggerimenti, è responsabilità dell’azienda scegliere tra le alternative. Il compito dell’analista è identificare i miglioramenti in grado di aumentare la capacità dell’azienda di risolvere il problema reale. Un buon modo per farlo è guardare ogni evento di business e pensare a come migliorarlo in futuro. Per esempio, sappiamo che l’obiettivo generale è che dobbiamo fare tutto il possibile per accelerare la rimozione delle foglie ed evitare incidenti. Quali cambiamenti potremmo suggerire per rendere più probabile il raggiungimento dell’obiettivo? Invece di soffiare le foglie, poi spazzarle e quindi metterle nei sacchi, potremmo aspirare le foglie direttamente nei sacchetti? Supponiamo che il dipendente possa inserire un sacco direttamente sulla macchina aspiratrice (un po’ come se fosse un aspirapolvere) e quindi far passare le foglie direttamente nel sacco. Quando è pieno, il dipendente potrebbe sigillarla e aggiungerla al mucchio di sacchi pieni e quindi procedere inserendo un altro sacco. A conti fatti, questo potrebbe essere un cambiamento radicale di processo e potrebbe non esserci una macchina adatta a fare questo tipo di lavoro, ma il punto vero è mettere in discussione ciò che si sta facendo al momento e vedere cosa si potrebbe fare (aspirare invece di soffiare) per avvicinare il cliente alla soluzione del vero problema. Inoltre, quando la pila di sacchi è abbastanza grande da riempire un camion, il caposquadra potrebbe inviare un messaggio alla sede centrale per il ritiro. Non solo, invece di consultare le previsioni meteo o uno studio sulle foglie che cadono, si potrebbe prevedere il momento esatto in cui le foglie inizieranno a cadere? Se la risposta è sì, allora potremmo aspirare le foglie dagli alberi o essere lì quando iniziano a cadere e catturarle prima che si accumulino. Adottare un punto di vista “Future What” permette di immaginare regole di business nuove per risolvere il vero problema.

Il punto di vista “Future How” - Quando si adotta il punto di vista “Future How”, si entra nel campo delle soluzioni alternative al problema. Si confrontano più idee e soluzioni, dando vita a ciascuna e utilizzando un metodo per testare ciascuna soluzione. In questo modo si identifica la soluzione migliore per raggiungere l’obiettivo e cogliere l’essenza del problema.

Suzanne Robertson presenterà a Roma per Technology Transfer il seminario “Mastering the Requirements Process” il 20-22 aprile 2020 e James Robertson terrà, sempre a Roma, il seminario “Business Analysis Agility” il 23-24 aprile 2020.

Ecco come capire il cliente. I diversi punti di vista della Business Analysis - Technology Transfer

Ecco come capire il cliente. I diversi punti di vista della Business Analysis
James Robertson

Ecco come capire il cliente I diversi punti di vista della Business Analysis
Suzanne Robertson

E se il Design Sprint fosse il nuovo asso nella manica? Come risolvere grandi problemi e testare nuove idee
James Hobart

Come essere veramente data driven. L’importanza dell’architettura dati
Mike Ferguson

Il Machine Learning in azienda. Come migliorare performance e previsioni
Frank Greco

Portfolio management avanzato: Come trasformare gli investimenti in cambiamento
Chris Potts

L’imbuto e le biglie. Ovvero la metafora della produttività dei team
Sander Hoogendoorn

Dal Data Warehouse al digital business. Un’architettura di trent’anni ancora valida
Barry Devlin

Dai silos a un ecosistema analitico integrato. Un approccio per avere dati da usare su più sistemi
Mike Ferguson

Come accelerare l’innovazione in azienda. La nuova generazione dell’IT enterprise
Frank Greco

Tassonomie e ricerche. Ecco come ottenere migliori risultati
Heather Hedden

Viaggio verso il data warehouse logico
Il grande dilemma della business intelligence

Rick van der Lans

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer