Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Aprile 2018

I CIO devono comprendere i nuovi strumenti e capire come sfruttarli al meglio

Frank Greco by Frank Greco

Le imprese non sono entità singole
L’enterprise architecture: promesse e sfide.


Per essere agili e vincere la sfida del cambiamento, le imprese devono avere un’architettura in grado di adattarsi dinamicamente al cambiamento come un ecosistema biologico. I grandi progressi si verificano quando diverse tecnologie vengono combinate e utilizzate in modo innovativo.


Come ben sanno gli architetti d’impresa di successo e chi si occupa di tecnologia da tempo, un’impresa non è una singola entità, ma un insieme di business unit correlate dall’obiettivo comune della redditività. È un’entità aggregata, dinamica e unificata, che fornisce un prodotto o un servizio ai clienti in cambio di ricavi e profitti. Molto spesso, il termine è liberamente ed erroneamente utilizzato in modo intercambiabile con “società” o “business”. Studiando il significato originario di impresa, i termini iniziativa, intraprendenza, innovazione e rischi gestiti sono quelli più ricorrenti. E nel corso degli anni, è stata anche scoperta l’importanza di operare come agenti di cambiamento nella gestione dell’IT. Un’impresa è un ambiente che accetta il cambiamento per dare vantaggi sia ai clienti sia alla stessa organizzazione dell’azienda. Ma c’è di più: il design di un’impresa, ovvero la sua architettura, deve mostrare questa possibilità di cambiamento e di adattabilità come meme principale. Un’impresa non può più descrivere il proprio stato attuale e prevedere inequivocabilmente uno stato obiettivo finale, perché oggi il mondo del business cambia troppo rapidamente. Un’impresa può far marciare i propri team verso un obiettivo desiderabile, ma durante il percorso l’ambiente di business può modificarsi in modi imprevisti. Ecco perché passare da uno stato all’altro può sembrare adesso pericolosamente primitivo per le grandi organizzazioni.

Una rigorosa adattabilità per affrontare l’incertezza - Per affrontare l’incertezza, un’impresa dovrebbe essere modellata come un insieme complesso e attivo di sistemi. Questo ecosistema ha sfumature biologiche e al suo interno, fondamentalmente, deve comprendere l’adattabilità rapida e dinamica. Questa agilità deve essere una qualità fondamentale di qualsiasi impresa di successo, e non una caratteristica periferica che è bello avere. Il CEO capisce l’importanza di questa agilità, come pure il COO e il CIO, oltre ai leader delle business unit. Ma è ancora più importante per tutti coloro che fanno parte dell’azienda, all’interno e all’esterno del firewall, sviluppare e gestire i loro sistemi tenendo sempre presente l’agilità come caratteristica fondamentale. Questo è essenziale per adattarsi a un ambiente tecnologico e di business in continuo cambiamento.

Per molte imprese, nessun rischio significa nessun premio - Sappiamo tutti benissimo che il business IT è sempre in uno stato costante di evoluzione e trasformazione. È nella sua natura. Ed è nostro compito assumere rischi calcolati per adottare abilmente queste evoluzioni a vantaggio del business. La maggior parte di noi già conosce le ricompense del successo economico, sia che si tratti della forma di maggiori ricavi o di costi ridotti. Entrambi questi aspetti sono strettamente correlati all’adozione di nuove tecnologie. A volte queste innovazioni tecnologiche arrivano a piccole ondate. Altre volte ci sono ondate più grandi e sostenute da guidare. E in alcuni momenti magici, c’è un insieme di ondate tecnologiche che apportano modifiche significative e innovative ai sistemi informativi aziendali. Recentemente, c’è stato un enorme afflusso di nuove tecnologie, con tecniche e strumenti che fanno girare la testa. Ora abbiamo diverse tendenze tecnologiche, alcune delle quali, in grado di cambiare i giochi. È importante non prenderle in considerazione individualmente, ma esaminarle come potenziali ingredienti per soluzioni più complete. Molto spesso, i grandi progressi nel settore IT si verificano quando diverse tecnologie vengono combinate e utilizzate in modi innovativi.

I tool e le tecnologie si concentrano sull’agilità - Le caratteristiche fondamentali dell’agilità e dell’adattabilità sono chiaramente dietro le tendenze IT degli ultimi cinque anni. L’evoluzione ha visto passare dall’implementazione e dai test continui del software all’implementazione rapida, utilizzando solide piattaforme cloud e un universo di API in continua espansione all’interno e all’esterno del firewall. La popolarità delle piattaforme cloud negli ultimi anni è indice del profondo interesse delle aziende a muoversi rapidamente in un contesto economico in costante evoluzione. Durante questo periodo si sono colti i veri vantaggi dell’implementazione del cloud. Inizialmente, il consenso prevalente dei primi utenti del cloud era incentrato sulla riduzione dei costi come vantaggio principale. Invece, il vero vantaggio del cloud computing è la possibilità di implementare rapidamente nuove app o scalare le app esistenti verso l’alto (o verso il basso) per rispondere rapidamente alla domanda dei clienti o reagire a un evento di business inaspettato. Oltre all’evoluzione del cloud computing in azienda, si sono anche colti gli enormi vantaggi delle API (Application Programming Interface), che hanno consentito alle aziende di creare software rapidamente con API esterne altamente funzionali e non necessariamente presenti in azienda. L’utilizzo delle API non solo ha permesso di essere consumatori di servizi, ma ha offerto alle imprese di diventare fornitori di servizi, e in molti casi questo ha contribuito ad accelerare la monetizzazione delle offerte di servizi interni. L’economia delle API è molto vasta e, insieme all’implementazione del cloud, sta diventando una componente critica dell’IT aziendale. Le aziende ora conferiscono il titolo di chief cloud architect e API product manager a executive fidati, ed è un chiaro esempio dell’interesse per la riduzione della latenza di business. Ma questi strumenti riflettono solo la fase adolescenziale dell’era della latenza IT ridotta.

Il nuovo set di strumenti IT per le imprese e le best practice - L’IT ha oggi molte più tecnologie a disposizione per contribuire ad aumentare la rapidità di business. L’attuale filosofia di realizzazione, implementazione e manutenzione del software ha enormi implicazioni per l’IT aziendale. Microservizi, container, cloud ibrido, serverless, PaaS di nuova generazione, DevOps, tecnologie di sicurezza innovative, machine learning, web moderno, blockchain e nuove reti, riflettono tutti il continuo bisogno dell’impresa di ridurre ulteriormente la latenza tecnica e di business. Si tratta di strumenti piuttosto potenti, che promettono di fornire all’azienda un set di tool e una serie di strategie che offrono uno sviluppo ancora più rapido e un deployment immediatamente scalabile. Per esempio, il “serverless” computing rappresenta una vasta tendenza che rimuove i server e il compito della loro gestione, per concentrarsi sulle funzioni come unità di deployment scalabile. Il machine learning è un’altra ondata potente che prevarrà per i prossimi 5-10 anni almeno: consentire al software di rilevare i pattern dai dati e quindi modificarne il comportamento in base a tali dati, presenta vantaggi potenzialmente significativi per molte aziende. Modelli di business innovativi e nuove opportunità di entrate sembrerebbero attendere le aziende che sfruttano adeguatamente questi strumenti. Questi nuovi strumenti rappresentano anche sfide seducenti e attuali. Mentre cambiano in maniera massiccia il modo in cui le organizzazioni IT progettano, sviluppano, implementano e gestiscono sistemi, richiedono comunque le migliori pratiche per utilizzarle efficacemente nell’azienda. Come sappiamo fin troppo bene, il nuovo ambiente di business è complesso, estremamente dinamico e altamente guidato dagli eventi, da mettere costantemente alla prova le strategie e le mosse da intraprendere. Questo ambiente imprevedibile impone alle aziende di adattarsi rapidamente ai cambiamenti e fornire reazioni valide agli eventi di business. Molto semplicemente, l’enterprise IT moderno richiede estrema agilità, e i responsabili IT devono comprendere i nuovi strumenti e le nuove strategie, e soprattutto sapere come sfruttarli al meglio.

Le promesse e le sfide di questi temi saranno esaminate in profondità da numerosi esperti e consulenti internazionali in occasione della conferenza “Agile Enterprise IT” di Technology Transfer che si terrà a Roma nel mese di maggio.

Frank Greco sarà il chairman della Conferenza di Technology Transfer dal titolo “Agile Enterprise IT Conference: Containers, Microservices, Blockchain, Serverless, Artificial Intelligence and Machine Learning” che si terrà a Roma il 14-15 maggio 2018

I CIO devono comprendere i nuovi strumenti e capire come sfruttarli al meglio - Technology Transfer

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer