Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Maggio 2011

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence

Shaku Atre by Shaku Atre

Per rimanere competitive le organizzazioni hanno più che mai bisogno della Business Intelligence: serve infatti informazione accurata, basata su metriche aziendali, in grado di favorire e accelerare i processi decisionali.
Il cruscotto delle prestazioni (performance dashboard) costituisce l'interfaccia utente che fornisce la sintesi delle informazioni più importanti in termini di Business Intelligence. È in grado di trasferire un reale valore di business grazie alla possibilità di rendere coerente l'informazione con indicatori prestazionali (Key performance indicator, Kpi) ovvero con parametri critici associati a criteri operativi, tattici e strategici dell'azienda.
La creazione di un efficace cruscotto delle prestazioni – con un appropriato mix di immagini, foto, diagrammi e grafici – necessita di abilità tecniche associate a una visione e conoscenza della politica e del business aziendale. Si inserisce in un processo continuo di comprensione delle esigenze degli utenti cui è dedicato: individuare quali possano essere le informazioni loro più preziose e quali possano essere i metodi più efficaci di rappresentazione delle stesse.
L'esigenza di avere dei cruscotti è dettata, in prima istanza, dalla massa eterogenea di dati e informazioni con cui si confrontano gli utenti: report, memo, email, telefono e una pluralità di fonti informative, elettroniche e non. I dati devono essere sintetizzati in informazioni effettivamente utili che possano realmente migliorare e accelerare i processi decisionali. Esistono cruscotti che sono la rappresentazione digitale di report cartacei, un errore: l'efficienza di un cruscotto dipende, infatti, dalla capacità di incrociare dinamicamente informazioni con nuove modalità di misurazione delle prestazioni – talvolta, se necessario, anche in tempo reale – rendendo possibile una immediata capacità decisionale.

Come si crea un cruscotto efficiente?
Un cruscotto si può definire efficiente nel momento in cui è in grado di fornire la corretta informazione alle persone giuste, nel momento appropriato, nel formato di rappresentazione più adatto e a un costo ragionevole. Se il dashboard non è semplice da utilizzare oppure non si apprezza il modo in cui vengono visualizzate le informazioni, si può star certi che prima o poi l'utente ne abbandonerà l'utilizzo. Così come lo abbandonerà se, pur in presenza di un ambiente grafico gradevole, non vengono fornite informazioni davvero utili. Coloro che devono prendere delle decisioni hanno bisogno di avere a disposizione cruscotti in grado di trasferire informazioni migliori di quelle normalmente presenti nella reportistica tradizionale. Idealmente, un cruscotto non dovrebbe solo incoraggiare gli utenti a utilizzarlo, ma dovrebbe fornire capacità interattive. Quando un utente crea nuove viste dati o condivide nuove idee con altri utenti assicura, infatti, una migliore risoluzione dei problemi. Un efficace cruscotto deve, quindi, permettere agli utenti di cambiare il tipo di informazione visualizzata, o il modo in cui viene rappresentata, senza necessità di ricorrere all'aiuto di personale IT. Per esempio, nel caso di un ciclo economico negativo, l'utente potrebbe avere la necessità di monitorare indicatori di performance focalizzati a un taglio dei costi. Nel caso di una ripresa gli indicatori potrebbero invece essere focalizzati su quote di mercato e aumento delle vendite. O, ancora, nel caso di una qualche acquisizione si potrebbe avere bisogno di monitorare le prestazioni di nuove linee di prodotto o le vendite in nuove aree geografiche. È di assoluta importanza che il cruscotto metta l'utente nelle condizioni di reagire prontamente alle mutate condizioni del mercato, come può avvenire nel caso di un’improvvisa perdita di clienti o un anomalo aumento di difetti su una certa linea di produzione. Il cruscotto, infine, deve tendere a migliorare la velocità e l'accuratezza con cui i responsabili prendono le decisioni. Questo significa che i dati che alimentano i dashboard devono essere facilmente reperibili ed estraibili dalle basi dati operazionali.

I tipi più comuni di cruscotti
Vi sono tre tipi fondamentali di cruscotti. Ciascuno si distingue per avere un diverso livello di sintesi, capacità analitiche e interfaccia utente.
Il primo e più diffuso è il cruscotto operazionale. Questo tipo di cruscotto è solitamente utilizzato a livello dipartimentale per monitorare i processi che generano prodotti o servizi. Deve fornire un alto livello di dettaglio, riducendo esigenze drill down poiché è utilizzato da utenti che non hanno tempo per effettuare analisi dei dati e devono risolvere problemi con grande rapidità e immediatezza. In caso di maltempo uno spedizioniere deve essere per esempio in grado di scegliere un percorso alternativo. Nel settore manifatturiero un cruscotto operazionale deve monitorare la produzione e il numero di difetti riscontrati. Nel settore della vendita al dettaglio potrebbe invece essere deputato al monitoraggio del fatturato giornaliero o delle vendite di un prodotto in base alla collocazione sullo scaffale, in modo da comprendere e stabilire la condizione di vendita migliore.
Il secondo tipo, meno diffuso, è il cruscotto tattico che effettua il monitoraggio dei processi che supportano le iniziative strategiche dell'organizzazione. A livello di dati presentati questo tipo di cruscotto si pone a metà tra un cruscotto strategico e un cruscotto operazionale. Se, per esempio, un'organizzazione vuole espandersi globalmente del 15%, il cruscotto in questione potrà fornire informazioni sulle vendite correnti in rapporto agli obiettivi target nelle varie aree geografiche, mentre il cruscotto operazionale si occupa di tenere traccia delle vendite di singoli prodotti fornendo un confronto periodico con la vendita della concorrenza. Un cruscotto tattico richiede perciò capacità drill down, di analizzare i dati in profondità e in sintesi estrema. L'interfaccia stessa tende a essere più geografica di quella di un cruscotto operazionale fornendo la situazione prestazionale rispetto agli indicatori stabiliti.
Il terzo tipo di cruscotto è quello strategico, che misura i progressi in riferimento agli obiettivi di strategia globale dell'organizzazione. Può includere indicatori non finanziari - come la soddisfazione del cliente, quote di mercato, così come raffronti dei risultati raggiunti trimestre su trimestre - e indicatori finanziari come profittabilità e valore del ciclo di vita del prodotto o servizio.  Poiché questo tipo di cruscotto presenta dati di tendenza globali utili al top management, deve garantire profondità di analisi dei dati. Il cruscotto strategico richiede al tempo stesso aggiornamenti frequenti dai database di riferimento. Deve spesso prevedere l'associazione di dati esterni, come market share della concorrenza o margini di profitto attesi, fluttuazioni valutarie, normative di settore. Può anche includere informazioni su eventi esterni di carattere politico che possono avere un'influenza sugli obiettivi strategici e sui quali è necessario un intervento da parte del top management.

Un processo continuo
La relazione tra i diversi tipi di cruscotti può essere rappresentata da una struttura gerarchica ad albero rovesciata con il cruscotto strategico al vertice, i rami principali che ne costituiscono la componente tattica e rami più piccoli e foglie che ne rappresentano la componente operazionale.
Mantenere efficiente nel tempo un cruscotto necessita di un continuo cambiamento della tipologia dei dati, così come del livello di dettaglio in cui vengono forniti, del formato di rappresentazione o anche degli stessi indicatori di prestazioni.

Regole da seguire
Identificare in anticipo quale tipo di cruscotto è da preferire poiché ciascuno di essi presenta requisiti diversi in termini di dati, interfaccia utente e funzionalità di reporting. Il progetto di un cruscotto prevede una curva di apprendimento che si determina nelle diverse fasi qui descritte:
• Studio dei requisiti utente
• Pianificazione e implementazione del cruscotto in base a input forniti dall'utente. Se possibile, e se le risorse lo permettono, utilizzando prototipi
• Apprendimento e miglioramento

Conclusioni
I cruscotti consentono di dare un nuovo volto alla Business Intelligence fornendo informazioni utili per intraprendere delle azioni permettendo la rappresentazione di diagrammi, immagini e grafici al posto delle colonne di numeri fornite dalla reportistica tradizionale. Il loro scopo è verificare se l'organizzazione è allineata agli indicatori che determinano il successo aziendale. La presentazione deve essere semplice, chiara e si deve garantire sufficiente flessibilità per adattarsi al cambiamento del business.

I contenuti dell'articolo saranno discussi nel seminario di due giorni – 13 e 14 aprile prossimi - che la signora Atre terrà a Roma per conto di Technology Transfer. Il seminario è mirato a fornire una guida completa alla pianificazione, creazione, implementazione, utilizzo e manutenzione dei cruscotti delle prestazioni. È rivolto, in particolare, a business manager e specialisti dell'IT.

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer