Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Giugno 2010

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI

Larissa Moss by Larissa Moss

Quando nei progetti di data warehousing e Business intelligence (Dw/Bi) si utilizzano metodologie tradizionali, accade spesso che i project manager, anche quelli più esperti, abbiano una diffusa sensazione di non avere alcun reale ed efficace controllo: i requisiti appaiono essere un bersaglio mobile; la comunicazione tra le persone coinvolte non è soddisfacente; la divisione dei compiti è inefficace e causa di eccessivi rifacimenti. A tutto questo si aggiunge la costante pressione esercitata dall'azienda perché il tutto venga implementato in tempi rapidi (90 giorni o meno), pressione che viene esercitata anche quando il team di progetto è impegnato nelle fasi più critiche di ultimazione e perfezionamento di quanto richiesto.
E per rispettare requisiti e tempistiche la standardizzazione dei dati viene omessa, la fase di testing accorciata, la documentazione non viene prodotta. In definitiva, la qualità è compromessa. E' possibile fare in modo che tutto questo venga comunque svolto rispettando quanto stabilito? Certo che sì! Ma dovete mettere da parte alcune delle discipline di project management tradizionali e aprirvi a nuovi approcci.

Il concetto della release software

Mentre molte organizzazioni si rendono conto che è impossibile realizzare in un attimo un intero Dw, non si accorgono che è anche impossibile creare dal nulla e in tempi rapidi un'intera applicazione. Perché? Beh, per il semplice fatto che i requisiti sono nella maggior parte dei casi volubili; la portata o l'estensione di quanto ci si propone di realizzare è troppo vasta o la tempistica troppo stretta; alcune componenti tecnologiche non sono mature; la complessità a livello di integrazione dei dati non è compresa nella sua interezza; la qualità dei dati sorgente scarsa in quanto questi ultimi non sono profilati adeguatamente; il team di progetto insufficiente o troppo numeroso oppure non allineato agli obiettivi desiderati; non ultimo, una line of business troppo occupata per partecipare attivamente al programma di lavoro pianificato. Con un progetto che si trova in simili condizioni, la cosa migliore da fare è iniziare immediatamente un'attività di prototyping e proseguire su questa strada.
Ma come eseguire attività di prototyping su un'intera applicazione e le sue componenti di Dw senza ricadere nella logica a cascata della classica sequenza che prevede requisiti, analisi, disegno, codifica e testing? La soluzione sta nello spezzare l'applicazione in più release software. Lo spettro di intervento, o scope, di ciascuna release conterrà soltanto una piccola porzione dei requisiti applicativi, da qui il nome di extreme scoping dato a questo approccio per release. Ciascuna singola release diventa un progetto che viene sviluppato utilizzando un approccio di prototyping iterativo. E a ciascun prototipo viene assegnato un tempo predefinito, in un range che può variare da uno a tre mesi. La maggior parte delle release devono rispettare tempi di produzione in funzione della tempistica, sebbene possano esserci occasioni in cui compiere attività di fine tuning in una successiva release prima di mettere il tutto in produzione. Dopo diverse release si avrà finalmente un'applicazione completa e pienamente funzionante.
Utilizzando questo più agile approccio la qualità dell'applicazione sarà probabilmente più elevata poiché sarà possibile raffinare i requisiti attraverso ogni singola release fino al punto di stabilità desiderato: lo scope di ciascuna release dovrà essere sufficientemente limitato per riuscire a soddisfare più facilmente specifiche deadline; le componenti tecnologiche potranno essere valutate sin dall'inizio; la complessità dell'integrazione dei dati potrà essere gestita attraverso passaggi graduali; la qualità dei dati sorgente sarà adeguatamente profilata poiché si potranno documentare incrementalmente le regole di business; il team di progetto potrà essere piccolo e sostenere attività di training durante le prime release limitando così impatti negativi sull'intera applicazione; infine, non ci si deve dimenticare che la line of business è più facilmente coinvolgibile in attività di prototyping piuttosto che in progetti tradizionali. Il bello di tutto questo è che i progetti così impostati possono essere anche più divertenti rispetto a quelli tradizionali perché mettono in moto delle dinamiche di gruppo differenti.

Il processo di pianificazione delle release software

La creazione di un piano di progetto utilizzando l'approccio extreme scoping diverge leggermente dal modo tradizionale. Di solito il project manager imposta la metodologia e seleziona le attività che devono essere eseguite in quella che viene comunemente definita una work breakdown structure (Wbs). Utilizzando come guida una struttura Wbs è quindi possibile creare un piano di progetto dettagliato che viene tipicamente adattato nella sequenza delle fasi di sviluppo della metodologia: definizioni dei requisiti, analisi, disegno, codifica, testing e implementazione. Il piano di progetto dettagliato è tipicamente un diagramma Gantt di 30-40 pagine e serve a guidare le attività quotidiane e la gestione dei cambiamenti consentendo al tempo stesso di dare informazioni al management sullo stato di avanzamento dei lavori.
Con l'approccio extreme scoping, la gestione del progetto è responsabilità di uno stretto numero di persone del team (4-5) e non di un singolo project manager. Questo gruppo di persone, che definiremo in seguito come core team, esegue attività di revisione della metodologia e seleziona le attività da compiere in una Wbs preliminare. Il core team, utilizzando quest'ultima come guida, crea una roadmap di progetto di alto livello per riuscire a sviluppare una comprensione complessiva in merito a risorse, costi, pianificazione, rischi e presupposti dell'intera applicazione. Attività che sono necessarie per definire il numero esatto di release software, la loro corretta sequenza, le dipendenze tra i vari requisiti, e quindi, tempistica e scope di ciascuna release. Se si facesse a meno di questa importante fase, il processo di divisione di un’applicazione in più release software sarebbe completamente arbitrario.
Una volta che i membri del team hanno raggiunto dimestichezza con lo scope e la sequenza delle release software, e sono confidenti di completare le attività nella deadline definita, a questo punto si può creare un piano di progetto dettagliato con obiettivi (milestone) settimanali per la prima release. In questo modo è possibile attenersi strettamente alle tempistiche e pianificare il lavoro di conseguenza. In altre parole si può determinare in quali condizioni deve essere lo stato del progetto con un anticipo di una settimana e comprendere se lo spettro di intervento della release è troppo ampio o se i periodi che intercorrono tra i diversi milestone settimanali sono sovrastimati.
Dopo che le attività di progetto della prima release software sono state organizzate in milestone, i membri appartenenti al core team devono provvedere a organizzare un appropriato numero di team di lavoro. Conoscendo le attività da svolgere e gli obbiettivi da raggiungere settimanalmente il core team assegna i compiti facendo riferimento alla struttura Wbs creata precedentemente. Si devono inoltre definire quali task e deliverable devono essere assegnate alle singole persone e a quale team. Le assegnazioni quotidiane dettagliate possono essere documentate su una lavagna, un foglio elettronico o altri media informali che consentono di essere modificati rapidamente e facilmente. Questo piano di progetto dettagliato informale viene utilizzato dal core team per consentire l'espletamento delle attività quotidiane, gestire il processo di cambiamento durante la fase di prototyping e monitorare il progresso del progetto stesso. Non deve invece essere usato per fornire un rapporto sullo stato del lavoro al management. In questo caso è utile piuttosto un diagramma Gantt che mostri unicamente le milestone settimanali.
Se la prima release software viene completata in tempo e senza problemi, i membri del core team possono pianificare la seconda release nello stesso modo. Attenzione, però, se ci sono problemi con la prima release - attività sottostimate, consegne incomplete, frizione tra le diverse persone del team, costanti aggiornamenti degli obiettivi - il core team deve procedere a una revisione e modifica del piano di progetto di alto livello che riguarda l'intera applicazione. Si deve riconsiderare e avere una comprensione globale dello scope, delle risorse, dei costi, della schedulazione, dei rischi e dei presupposti relativi all'intera applicazione. Si deve quindi provvedere ai cambiamenti necessari per le successive release. Questo può includere cambiamenti di scope, aggiornamento del numero di release, ridefinizione delle priorità, cambiamento della sequenza delle diverse release, delle consegne di una o più release, tempistiche e allocamento di risorse. Soltanto allora il core team potrà procedere alla pianificazione dettagliata della successiva release.

Conclusioni

Il concetto popolare dello sviluppo iterativo è applicabile sia allo sviluppo di un Dw per piccoli incrementi, sia a livello applicativo. Invece di organizzare il progetto per fasi che contemplino requisiti, analisi, disegno, codifica, testing e implementazione, è opportuno spezzare il progetto in più release software, ovvero definire multipli progetti. Infine, è importante gestire ciascuna singola release coerentemente con gli obiettivi e non in virtù del completamento delle singole task.

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer