Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Aprile 2010

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise

Barry Devlin by Barry Devlin

Ci si dimentica spesso che i fattori trainanti, il data warehousing prima e la Business intelligence poi, sono stati la consistenza e l'integrità delle informazioni. Gli utenti necessitavano di report e dati coerenti per offrire un valido supporto decisionale all'azienda, si doveva fare in modo che i vari dipartimenti potessero comunicare al vertice aziendale informazioni con un alto livello di consistenza.
L'It aveva necessità di lavorare su un insieme di dati integrato per evitare che all'amministratore delegato arrivassero informazioni contrastanti. Il primo articolo che descriveva un'architettura di data warehouse basata su questi requisiti fu pubblicato nel 1988 sulle pagine dell'IBM Systems Journal ed era basato sul lavoro condotto da IBM Europa nei tre anni precedenti.
A più di vent’anni di distanza l'enfasi è invece ora posta soprattutto sulla velocità e flessibilità decisionale così come sul livello di sofisticazione delle applicazioni analitiche. Una condizione che si rileva facilmente osservando l'attenzione che viene oggi posta sulla Business intelligence operazionale, sulle appliance, sui database post-relazionali, sugli ambienti stand alone dedicati e, non ultimo, sui cruscotti aziendali. Si dà per scontato che questi sistemi assicurino consistenza e integrità dei dati. L'idea è che l'utilizzo di un data warehouse garantisca la risoluzione di tutti questi aspetti. Purtroppo ciò non è sempre vero poiché l'affermazione di un modello di data warehousing distribuito ha imposto la presenza di singoli data mart e appliance che vengono alimentati da sistemi operazionali che non hanno nessuna consistenza. Ovviamente le inconsistenze emergono in un secondo momento e richiedono l'intervento dei team di sviluppo e manutenzione.
Nel frattempo anche gli sviluppatori di applicazioni operazionali sono in una fase di transizione. Ma il passaggio alla Service-oriented architecture (Soa) crea un nuovo approccio plug and play orientato al processo prevalentemente per le applicazioni operazionali, mentre le applicazioni di tipo informazionale e collaborativo ne beneficiano soltanto in un secondo momento. A mano a mano che gli utenti business si abituano al concetto che possono (o dovrebbero essere in grado di) collegare tra loro servizi esistenti in un workflow per soddisfare le proprie attività, iniziano a mettere in discussione le classi di funzione tradizionali: “Perché non è possibile legare una fase di analisi al workflow per comprendere il probabile impatto che può causare un ritardo nella spedizione? Come collegare il sistema di posta elettronica per notificare automaticamente a un cliente un problema relativo a un ordine?”. Nello stesso tempo approcci Web/enterprise 2.0 stanno dissolvendo le vecchie barriere tra funzioni operazionali, informative e collaborative reimpostando le interazioni degli utenti in un ambiente più libero e più focalizzato sulle funzioni operative degli stessi. E così, mentre crollano le vecchie barriere crollano contemporaneamente le tradizionali divisioni tra mondo operazionale, informativo e collaborativo.
Le applicazioni di call center, per esempio, sono la dimostrazione più evidente di quanto ampio sia diventato il livello di informazioni richiesto da moderni processi di business. I dati dell'ambiente di data warehouse sono necessari per tenere traccia del profilo storico del cliente, delle relazioni intercorse tra azienda e cliente. Proteste, reclami, garanzie, informazioni che hanno avuto origine da sistemi di posta elettronica o da sistemi di content management sono inoltre essenziali per comprendere la storia del prodotto e il comportamento dell'utente, così come l'accesso a sistemi operazionali continua a essere necessario per creare o aggiornare ordini o altri record. Tutta questa mole di informazioni deve essere coerente tra le diverse fonti e integrata nei modi e nei momenti opportuni. L'approccio tradizionale è stato quello di duplicare le informazioni in un'applicazione ottimizzata per le necessità dell'operatore del call center. Occorre poi tenere presente che la Soa promuove un approccio molto differente: servizi realizzati da vari dipartimenti, ufficio vendite o finance, possono essere riuniti in un workflow insieme ad altri servizi specifici attinenti al call center per soddisfare le necessità degli operatori. Ma serve fare attenzione: se le fonti da cui provengono questi dati non hanno consistenza, il call center non sarà in grado di conoscere con la dovuta accuratezza l'attuale e corrente situazione del cliente e agirà nei suoi confronti in modo inappropriato.

Le necessità di integrazione attuali e la nuova architettura

Gli effetti delle potenzialità di un approccio Soa sono evidenti, ma il tutto può avere successo se si fa riferimento a un insieme di informazioni pienamente consistente e integrato sul quale gli specifici servizi possono agire. A differenza del data warehousing questa informazione non viene archiviata in un singolo database, ma distribuita attraverso l'intera infrastruttura It. Non solo, ma l'imporsi di modalità Web/enterprise 2.0 rende evidente che la natura di questa informazione si sta espandendo da una logica dati prevalentemente tabellare e numerica – l'informazione cosiddetta hard - a un'ampia gamma di dati più complessi come informazione Web, testo, audio e immagini, vale a dire quella che viene comunemente definita informazione soft. Cosa vuol dire tutto questo? Significa che consistenza e integrità devono essere necessariamente applicate anche a questo tipo di informazione.
Così come accadde negli anni Ottanta, quando la componente business aziendale esigeva consistenza e integrità nella gestione dell'informazione e obbligò a creare una nuova architettura di data warehouse adatta ad attività di supporto decisionale, oggi la Soa e l'enterprise 2.0 ci spingono a riesaminare l'architettura It a livello generale. E la domanda chiave che viene posta è la seguente: come è possibile creare una nuova base informativa integrata e consistente per l'intera azienda?
Più semplice sarà la risposta, migliore potrà essere la soluzione. Se si vuole realizzare un set di risorse che possa garantire integrità e consistenza delle informazioni si deve interrompere la creazione di informazione ridondante e devono essere eliminate, o quanto meno sostanzialmente ridotte, le duplicazioni di dati esistenti.
Il percorso da seguire è indicato dalla stessa architettura originariamente pensata per il data warehouse: un archivio dati impostato secondo uno schema logico – il business data warehouse – modellato a livello enterprise per assicurare l'erogazione di informazione con caratteristiche di consistenza e integrità al fine di garantire un adeguato supporto decisionale. Questa semplicità si è però persa con il passare del tempo a causa dell'emergere di architetture multilivello (con più data mart alimentati da un enterprise data warehouse) create con l'intenzione di migliorare la prestazioni di database e per adeguarsi a un diverso modello di business. L'approccio originario è ancora oggi valido per far fronte alle necessità di integrazione dell'informazione in un ambiente che ha subìto nel tempo una sempre maggiore espansione.
Prima di tutto occorre modellare l'informazione adeguandosi al modello di business istituito a livello enterprise e procedere poi a un’implementazione che sia il più possibile coerente con tale modello. Questo approccio, proposto per una nuova architettura, è definito come Business Integrated Insight (BI2) e, per la prima volta, raccoglie tutte le informazioni presenti a livello enterprise - di tipo hard, soft, operazionale, informativo e collaborativo - in un singolo componente chiamato Business Information Resource (BIR). Il BIR prevede una piena modellazione sebbene ciò richieda estensioni alle tecniche correnti per supportare l'ampia gamma di dati trattati e, in particolare, per consentire la modellazione dinamica di informazione soft nel momento in cui questa viene metabolizzata a livello aziendale.
L'implementazione necessita di tecnologie che vanno al di là del database relazionale general purpose. Database di nuova generazione possono avere un ruolo fondamentale purché aspetti quali la gestione del workload, affidabilità, disponibilità e scalabilità siano soddisfatti nel modo migliore. Sono altrettanto necessarie tecnologie di database mirate specificamente al trattamento di informazione soft poiché non è da raccomandare il caricamento generalizzato di questa informazione in database relazionali. Si deve inoltre tenere presente che la duplicazione dei dati non potrà essere completamente evitata e che non esiste una tecnologia ottimizzata per tutte le necessità elaborative. Proprio per questo si deve porre sempre la massima attenzione nella gestione e controllo di tale approccio tenendo presente che i metadati diventano parte integrante del BIR e non sono da considerare un aspetto marginale.

Conclusioni

Il business attuale ha necessità di relazionarsi a un insieme di informazioni molto più ampio rispetto al passato. Poiché i processi di business sono di per sé flessibili e richiedono un'unitarietà di approccio, l'informazione deve essere il più possibile consistente e integrata. Facendo riferimento ai principi base del data warehousing si può comprendere come raggiungere questi obiettivi ed espandere l'intelligence aziendale in un'architettura più globale che permetta di ottenere un livello di conoscenza dell'intero processo delle attività di un'organizzazione.

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer