Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Settembre 2009

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore

Mike Rosen by Mike Rosen

L’anno scorso, durante un mio viaggio in Italia, sono stato relatore in occasione di una conferenza dedicata al tema della Model driven architecture. L’evento si è svolto a Milano, in un palazzo che aveva più di 500 anni. Originariamente costruito a uso abitativo, fu poi adibito a deposito d’armi, ospedale, orfanotrofio, scuola e altro ancora fino ad arrivare ai giorni nostri per essere utilizzato come albergo e centro per conferenze.
Ricordo questo perché è un’utile testimonianza di come architetture ed edifici possano evolvere nel tempo, al contrario di ciò che invece accade nell’It, dove ciò che viene creato è pensato per continuare ad avere la stessa originaria funzione, nonostante i sistemi software siano soggetti a una continua e incessante evoluzione. Il palazzo di Milano ha conosciuto costanti trasformazioni, radicali cambiamenti infrastrutturali, come l’integrazione di impianti di riscaldamento e idraulico, connessioni elettriche e, più recentemente, digitali a larga banda. Non sarebbe stato più conveniente procedere a una demolizione e affrontare una ricostruzione integrale? Sembrerebbe di no. Il valore e la longevità della struttura di base hanno permesso di apportare continue modifiche senza che venisse messo in discussione l’impianto originario. E così sarà probabilmente per i prossimi 500 anni.

Evoluzione nel tempo

Una simile logica calata all’interno di una prospettiva software equivarrebbe a un’applicazione Cics, vecchia di 25 anni, trasformata, negli ultimi 3-5 anni, in un’applicazione J2ee strutturata su un’architettura Soa multilivello, sviluppata in ottica Ria (Rich Internet application). Ovviamente vi sono drastiche differenze nei due esempi citati. Ma in entrambi i casi si è in presenza di un sistema le cui fondamenta hanno un valore che può essere preservato e adattato nel tempo, un sistema che può sostenere profondi cambiamenti pur in presenza di radicali mutamenti dal punto di vista infrastrutturale. La resistenza, la capacità di sopravvivere al tempo, le dimensioni, le caratteristiche estetiche sono tutti fattori che hanno permesso al palazzo milanese di interpretare ruoli diversi. Per le applicazioni legacy, invece, quali sono i veri valori che ne permettono l’evoluzione nel tempo? L’infrastruttura, la piattaforma, l’interfaccia utente, il codice, i server? Probabilmente no. E allora possono essere le regole e la logica di business con cui sono state create? Oppure il modello dei dati utilizzato?
La sede della conferenza si è spostata poi a Roma, città in cui un palazzo di 500 anni può essere considerato recente. Dopo tutto il Pantheon è straordinariamente intatto dopo 2.000 anni, ma ancora più impressionante è il Colosseo che vanta anch’esso più di 2.000 anni. Grazie a un sofisticato sistema di ingressi e di uscite il Colosseo, progettato per ospitare dai 50mila agli 80mila spettatori, poteva essere svuotato in 10 minuti. Ancora adesso quel tipo di progetto è alla base degli attuali stadi e arene sportive. Il Colosseo, una costruzione straordinaria: a forma ellittica, 189 x 156 metri, a 4 o 5 livelli, un’altezza di 48 metri, con ciascun singolo segmento della struttura formato da porte create utilizzando pietre di travertino angolari, dal peso di svariate tonnellate, sostenute da una volta centrale. Un meccanismo, quest’ultimo, utilizzato ancora ai giorni nostri. Sì, non si può che rimanere impressionati da architetture, progetti e implementazione di simili edifici, soprattutto considerando il livello di tecnologia presente a quel tempo.
Quindi, cosa ci insegna la storia del Colosseo? In che modo potrebbe essere traslata ai sistemi moderni? Per prima cosa possiamo affermare che vi sono dei principi fondamentali che possono essere applicati a tutta la teoria di disegno di un sistema. Idee e schemi eccellenti non vengono cancellati dal tempo. La storia ha creato dei filtri in termini architetturali. Sopravvivono soltanto le strutture realmente valide, le altre crollano, per una ragione o per l’altra. Tutto questo ci porta ad affermare che con delle buone architetture, un buon disegno, una corretta pianificazione e capacità di esecuzione si possono ottenere risultati incredibili. Inoltre, la tecnologia è sì importante, ma la capacità di un sistema di fornire valore nel tempo, tra 10 o 20 anni, non dipende da essa.
E allora, se questo è quanto ci consente di ottenere l’architettura, come deve comportarsi un architetto per raggiungere questi obiettivi? La lista che segue va al cuore della questione: come gli architetti possono portare valore alla propria organizzazione.

Investigare – Agli architetti si chiede di risolvere problemi specifici. Andare al cuore del problema e sollecitare i requisiti è il primo passo da affrontare. Naturalmente questi sono spesso vaghi e sono presentati con un focus limitato a uno specifico dominio applicativo. Pertanto si devono esigere e richiedere caratteristiche e obiettivi specifici così come si deve riuscire a comprendere come quei requisiti si relazionano in un più ampio contesto aziendale.

Integrare – Il ruolo degli architetti è mettere in relazione un determinato progetto con un più ampio contesto aziendale. Uno dei maggiori vantaggi che un architetto può fornire all’azienda è integrare la soluzione, relativamente a un particolare progetto, con il dominio di business specifico che può prevedere standard di settore, schemi consolidati e best practice.

Analizzare – Un compito successivo consiste nell’analizzare le informazioni raccolte. L’analisi deve potere rispondere a tre fondamentali domande: 1) Quali sono gli elementi importanti del problema o della soluzione? 2) Quali sono le relazioni possibili? 3) Quali tipi di interazioni si possono immaginare per riuscire a creare un consistente valore?

Concettualizzare – Una volta creato uno schema di base complessivo della soluzione integrata, l’architetto ha necessità di creare una vision concettuale della soluzione. Tipicamente sarà nella forma di un diagramma, un disegno che mostra gli utenti o i canali più importanti in rapporto alla soluzione, i sistemi con cui deve interagire, le funzioni logiche e i dati che devono essere trattati o utilizzati e, infine, dovrà determinare lo scopo del progetto all’interno delle singole componenti del diagramma.

Astrazione – L’architetto deve inoltre riuscire a comunicare dettagli importanti a persone diverse. E’ quindi bene individuare cosa è importante e cosa non lo è, in modo da potere trasmettere il messaggio più efficace ai differenti portatori d’interesse dell’azienda.

Visualizzare – Si dice che un’immagine valga più di mille parole. Rappresentare i modelli architetturali attraverso disegni per ogni singolo livello di astrazione è sicuramente un metodo efficace.

Formalizzare – E’ ovvio che l’architettura non può basarsi soltanto su eleganti disegni. Deve essere sufficientemente specifica in modo che possa essere sostenuta una comunicazione che non dia adito ad ambiguità da parte di chi dovrà occuparsi dell’implementazione. Le specifiche non devono necessariamente corrispondere a un documento. Una visualizzazione nella forma di un modello formale preciso e completo, espressa attraverso standard di settore, è spesso più efficace.

Comunicare – In buona sostanza gli architetti svolgono un ruolo di comunicatori. Una volta stabilita e formalizzata la soluzione gli architetti devono sapere comunicare la soluzione così come l’importanza e il valore generato per gli stakeholder attraverso l’intera dimensione organizzativa.

Abilitare – Anche l’architettura concepita, formalizzata e comunicata nel modo migliore può non avere successo. Il valore di un’architettura è facilmente dimostrabile. Se con quell’architettura il lavoro di qualcuno viene semplificato, verrà utilizzata. Se invece introduce ulteriori passaggi e un allungamento dei tempi delle procedure, senza aggiungere alcun valore extra, sarà ignorata.

Assistere – Infine, una delle condizioni che possono dettare il successo di un’architettura è fornire una diretta assistenza ai progetti che prevedono di utilizzarla. Questa è la più importante attività cui si può dedicare un architetto per rendere reale l’architettura. Virtualmente tutte le architetture di successo devono prevedere consulenza ai progetti.

La lista non è completa, ma crediamo che possa stimolare le vostre riflessioni. Rispecchia il modo in cui lavorate o lavorano gli architetti presenti nella vostra organizzazione? Vi sono aspetti che non avete preso in considerazione? Dedicate sufficiente attenzione alle attività che possono creare effettivo valore per l’impresa?

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer