Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Febbraio 2009

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi

Colin White by Colin White

Applicazioni basate su Internet
Fin dai primi giorni dei tempi dei mainframe, le interfacce utente sono passate attraverso quattro generazioni di tecnologie:

1. Terminali non intelligenti, che fornivano un’interfaccia utente di base sicura e facile da mantenere.
2. Elaborazioni client/server, nelle quali la maggior parte delle sezioni delle applicazioni riguardanti le interfacce utente erano scaricate sui computer client desktop degli utenti a partire da server host. Questo approccio forniva un’interfaccia più completa e maggiormente interattiva, ma incrementava i costi dell’hardware e la complessità nel mantenere aggiornato e sicuro l’ambiente elaborativo degli utenti.
3. Tecnologie Web 1.0, nelle quali la maggior parte delle elaborazioni relative alle interfacce utente erano tornate a carico dei server host. L’uso della tecnologia Web eliminava molti problemi di sicurezza e riduceva i costi di hardware e di manutenzione, ma portava anche a interfacce utenti statiche e a nuovi problemi di sicurezza correlati al Web.
4. Tecnologie Web 2.0, mediante le quali l’elaborazione delle interfacce utente è suddivisa tra il computer dell’utente e il server host. La maggior parte del rendering dell’interfaccia utente, tuttavia, è realizzata sul computer dell’utilizzatore. Questo approccio migliora la ricchezza e l’interattività dell’interfaccia utente e rappresenta un adattamento ideale alla natura dinamica delle applicazioni di Bi. Tuttavia, queste tecnologie spesso rendono maggiormente complessi lo sviluppo e i problemi di sicurezza che esistono nell’ambiente della Rete. Le applicazioni realizzate utilizzando un approccio tipo Web 2.0 spesso sono indicate come Rich Internet applications, ovvero applicazioni con utilizzo intensivo di Internet.

Le tecnologie Web 2.0 Ria rappresentano alcuni degli approcci migliori che gli sviluppatori abbiano mai avuto a disposizione per realizzare e distribuire interfacce utente molto semplici da usare, ricche e dinamiche. Un aspetto fondamentale dell’approccio Ria è che l’interfaccia utente Web non deve essere rivisualizzata completamente dopo ciascuna interazione. Applicando buone pratiche di progettazione, questo approccio migliora la capacità di risposta e l’interattività dell’intero sistema.
L’approccio dinamico Ria, tuttavia, non è necessario in tutti i casi. Il rendering dell’interfaccia utente dal lato server nel Web 1.0 ha il vantaggio di supportare i browser Web più vecchi, oltre a risultare più semplice nello sviluppo e più rapido nel caso di contenuti statici.
Esistono numerose tecnologie per sviluppare applicazioni Ria. Le due più diffuse, da un punto di vista dell’interfaccia utente, sono Ajax (JavaScript and Xml sincroni) e Adobe Flex/Flash . Esiste un considerevole dibattito nel settore su quale delle due sia migliore. Un problema consiste nel fatto che non tutti i componenti di Adobe Flex/Flash sono open source. In realtà, le due opzioni non sono mutuamente esclusive. Ajax è meglio per alcune applicazioni, mentre Flex/Flash è più adatto per altre. Entrambe, poi, possono essere combinate nella medesima applicazione. Molti venditori di Bi supportano tutti e due gli approcci.
Prima del Web 2.0, molti fornitori (anche vendor di Bi) supportavano portali basati sul Web che offrivano agli utenti dell’impresa interfacce personalizzate e basate sul ruolo dell’individuo, in modo da consentire loro l’accesso e l’interattività nell’ambito di applicazioni It multiple. In un ambiente di portale, la schermata dell’utente è composta da un insieme di segmenti, denominati portlet, ciascuno dei quali interagisce con una specifica applicazione o servizio. Inizialmente, queste interfacce tipo portlet erano proprietarie e uniche per ogni prodotto di portale dei singoli venditori, ma esiste ormai la tendenza a standardizzarle, in modo che tali portlet possano essere utilizzati da prodotti diversi.

Con l’avvento del Web 2.0, gli sviluppatori hanno creato gadget che forniscono una capacità simile a quella dei portlet. La differenza sta nel fatto che per utilizzarli non è necessario un portale (o addirittura, in alcuni casi, nemmeno un browser Web). Alcuni venditori di portali attualmente forniscono delle interfacce di portale che consentono ai suddetti gadget di agire come portlet.
I gadget possono essere aggiunti molto facilmente a una pagina Web e alcuni venditori offrono interfacce utente incollabili che consentono di aggiungerne rapidamente, collegandoli insieme. Per dimostrare la potenza di questo approccio, i vendor di Bi spesso presentano un insieme composto da un gadget che acquisisce informazioni da un datawarehouse e visualizza informazioni geografiche usando un gadget Google Earth. Queste soluzioni composite costituiscono un approccio ideale per realizzare rapidamente applicazioni di Bi temporanee e per la costruzione di prototipi.

L’architettura orientata al Web
Un aspetto fondamentale dell’uso del Web 2.0 all’interno dell’impresa è rappresentato dalla presenza di un ambiente elaborativo distribuito, basato su di un’architettura orientata ai servizi (Soa). Quest’ultima, anche se è considerata spesso come un nuovo approccio, in realtà non lo è, perché le imprese utilizzano sistemi distribuiti ormai da anni. Nel passato, tuttavia, le tecnologie utilizzate spesso erano proprietarie e diverse per ogni venditore (per esempio, Dcom e Corba), una situazione che rendeva difficile e complessa l’interoperabilità in un ambiente eterogeneo. Le tecnologie dei servizi Web hanno aiutato a ridurre tale complessità mediante l’uso degli open standard.
Mentre molte imprese hanno avuto successo nel realizzare ambienti Soa, molte altre non vi sono riuscite. Uno dei problemi maggiori consiste nell’integrare le applicazioni proprietarie nel nuovo ambiente. Si tratta di un’operazione complessa e che richiede l’utilizzo di molte risorse, per cui ha costituito sempre una grande difficoltà per i vendor dei prodotti di Bi e di integrazione dei dati.
Un’applicazione basata sui servizi è più semplice da implementare quando programmi e strumenti siano progettati in vista dell’utilizzo in ambiente Soa. In questo caso, le applicazioni e i prodotti possono essere realizzati utilizzando tecnologie Web 2.0 e progettati come componenti che possano essere facilmente attivati e richiamati come servizi. Questo approccio, indicato come architettura orientata al Web, ovvero Web oriented architecture (Woa), rappresenta un sottoinsieme di un ambiente Soa completo e risulta ideale per supportare applicazioni con uso intensivo di Internet.
Mentre molti dei servizi Woa vengono implementati utilizzando tecnologie dei servizi Web più tradizionali come Wsdl/Soap, esiste anche una tendenza verso l’uso di tecnologie più semplici e maggiormente flessibili come Rest. Questo è specialmente il caso della realizzazione di soluzioni Web leggere e tipo punto a punto. Lo sviluppo è più semplice e rapido ed è adatto soprattutto alla realizzazione di prototipi. L’aspetto negativo è una diminuzione della sicurezza, affidabilità e scalabilità. Si tratta ancora di una soluzione che non risolve tutti i problemi – ciascuna tecnologia possiede i propri punti di forza e di debolezza.

E per l’integrazione dei dati?
Fino a questo momento abbiamo parlato di integrazione al livello dell’interfaccia utente utilizzando soluzioni Ria, oppure a quello delle applicazioni con l’uso di protocolli Woa e Soap/Rest. L’argomento rimasto da considerare è l’uso di queste tecnologie Web 2.0 per l’integrazione dei dati.
Un ambiente Woa può supportare servizi incentrati sui dati, insieme a servizi applicativi. Per esempio, un servizio dati potrebbe ricevere informazioni da un datawarehouse, ricercando i dati, valutandone la qualità, trasformandoli o sottoponendoli a un qualche tipo di analisi.
Nell’integrazione dei dati, così come nell’integrazione delle interfacce utente e delle applicazioni, esiste una tendenza verso approcci di sviluppo leggeri basati sul Web. Per esempio, parecchi venditori supportano il concetto di “impasto” dei dati, ovvero di tecniche che consentano facilmente la trasformazione e la combinazione di flussi multipli di file e dati Xml in un flusso Xml in output che, a sua volta, possa essere utilizzato in combinazione con un gadget o con un’interfaccia utente. Esempi di questo tipo comprendono IBM InfoSphere MashupHub e Denodo Data Mashup Server.

Molte tecnologie Web 2.0
Esiste sul mercato un ampio ventaglio di tecnologie Web 2.0 che mirano ad aumentare la ricchezza e l’interattività delle interfacce utente Web, supportando un’architettura basata sui servizi. Molte di queste tecnologie consentono lo sviluppo di interfacce utente leggere e di architetture orientate al Web, oltre a un’integrazione semplice dei dati. Tutte possono aiutare a migliorare l’usabilità dell’integrazione dei dati, lo sviluppo della Business intelligence e la fornitura delle informazioni corrette agli utenti. Risultano anche utili per la realizzazione di prototipi e per le applicazioni temporanee. Una piccola percentuale delle applicazioni temporanee diventerà poi maggiormente significativa e permanente, e verrà quindi messa a disposizione di un numero maggiore di utenti.
Attualmente, molti vendor di Bi stanno iniziando a supportare le tecnologie Web 2.0 delineate in questo articolo. Adesso sta a voi valutare come questa offerta di Bi possa supportare le strategie Web 2.0 ed Enterprise 2.0 della vostra organizzazione e se le “nuove” offerte rappresentino una semplice riedizione di vecchi prodotti, oppure costituiscano veramente un nuovo approccio allo sviluppo e alla diffusione della Bi.

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer