Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Agosto 2008

Verso una BI più semplice e a minor costo

Colin White by Colin White

Per molti anni, una delle maggiori priorità per le aziende è stato lo sfruttamento dei benefici derivanti dalle applicazioni di Business Intelligence (BI) e le proiezioni di crescita per quest’area dell’It indicano che, verosimilmente, si tratta di una tendenza non destinata a cambiare in tempi brevi. Utilizzata correttamente, la BI può apportare benefici significativi alle imprese in termini di riduzione dei costi, di miglioramento dell’efficienza operativa, di incremento del fatturato e di maggiore soddisfazione dei clienti. Questi benefici costituiscono la ragione per la quale la BI continua a riscuotere successo. Per converso, è abbastanza evidente che le imprese non stiano ancora beneficiando completamente dei rispettivi investimenti in Business Intelligence – nella maggioranza dei casi la BI viene utilizzata solamente da una piccola frazione dello staff che potrebbe giovarne. Una delle ragioni principali della mancanza di penetrazione di questa tecnologia nelle organizzazioni risiede nella complessità e nel costo dell’implementazione e dell’uso delle applicazioni specifiche. La soluzione del problema di questi costi e di questa complessità sta diventando un’area di attenzione prioritaria nel breve e medio termine, sia per i venditori che per gli specialisti nell’implementazione delle applicazioni di BI.

I cambiamenti ripetuti non sono sempre favorevoli

Venditori e sviluppatori di software aggiungono sempre nuove funzionalità e producono nuovi rilasci dei rispettivi prodotti. Molte organizzazioni cominciano però ad avere molte difficoltà per  mantenere il passo con tutti questi cambiamenti costanti e ripetuti. In aggiunta alla fornitura di miglioramenti richiesti dagli utenti, i venditori hanno anche una forte motivazione per rendere i rispettivi prodotti sempre più potenti e competitivi nei confronti dei concorrenti, oltre che per mantenere e incrementare il livello del proprio fatturato con servizi di manutenzione e miglioramento personalizzati. Anche se un’organizzazione non ha bisogno delle funzionalità offerte da un nuovo rilascio del software, spesso è costretta a installarlo perché non viene più assicurata la manutenzione di quella precedente.
Con un’espressione fin troppo gentile verso i venditori, possiamo affermare che il nostro settore sembra richiedere continuamente con insistenza nuove funzionalità, mentre, al contrario, questa supposta costante necessità di aggiungere ulteriori capacità ai prodotti pare spinta proprio da tale visione discutibile del mercato. Naturalmente, si tratta di un ragionamento che non si applica solamente al software. La tecnologia It e la relativa documentazione rilasciate più di pochi anni fa sono considerate obsolete, anche se l’area di cui ci stiamo occupando non è molto cambiata in questo tempo. Per analogia, un buon esempio a tale proposito è costituito dai libri per chi si dedica all’osservazione degli uccelli. Ogni anno escono sempre numerose nuove guide in proposito, anche se il numero delle specie da osservare rimane lo stesso. Gli appassionati di questo sport sono sempre alla ricerca del prontuario perfetto!
Un altro esempio della spinta costante all’aggiunta di nuove funzioni sono gli ultimi rilasci di Windows e di Office da parte di Microsoft. Infatti, l’uso di queste ultime versioni necessita di un incremento significativo delle risorse hardware pre-esistenti, oltre a richiedere un tempo di apprendimento non trascurabile da parte degli utenti. Ma allora, questi miglioramenti rappresentano veramente un valore aggiunto in termini di costi e di tempo? Nel mio caso, ho deciso di iniziare a provare l’Apple Macintosh e sono rimasto veramente sorpreso di quanto l’uso della macchina risultasse facile e intuitivo.
Molti degli strumenti software del mio Pc non funzionano sul Mac (tuttavia, in caso di necessità, posso utilizzare il software di virtualizzazione VMware Fusion per superare il problema) ma, in molti casi, funzionalità equivalenti sono comprese nel prodotto di base, oppure sono disponibili come software open source. Forse, gli entusiasti del Mac non sono poi così fanatici come pensavo! Questa maggiore facilità può probabilmente spiegare perché noto così tanti notebook Mac quando attraverso gli aeroporti. Questo spiega anche perché Microsoft abbia la necessità di sviluppare una nuova versione più leggera e amichevole di Windows, oltre che di rinunciare al supporto a pagamento per l’hardware e il software proprietario per competere con successo contro società come Google.

Soluzioni di BI dirompenti e sempre più attraenti

La ragione per cui ho citato l’esempio Microsoft è che gli utenti, superata una certa soglia di insoddisfazione sui costi e sulla necessità delle nuove versioni dei prodotti, iniziano a cercare alternative possibili, anche se queste possono risultare dirompenti. Sono convinto che, nell’area della BI, stiamo raggiungendo questo punto di rottura e che i venditori esistenti debbano necessariamente sviluppare alternative più economiche e lineari, in modo da evitare un’erosione delle rispettive quote di mercato a favore di venditori di prodotti per la BI più agili e pronti nel fornire soluzioni prorompenti, oltre che open source.
Si sta anche palesando una certa disillusione nei confronti del software per la BI esistente e molte imprese utenti si ribellano contro la tendenza costante verso nuove funzionalità dei prodotti, iniziando a ricercare altri approcci più semplici e meno costosi. Normalmente, queste società dispongono di risorse It limitate da utilizzare per i progetti di BI e possono trovarsi in difficoltà anche per implementarne le funzionalità di base. Spesso i venditori classificano queste aziende come piccole e medie mentre, in realtà, possono essere anche grandi oppure possono essere unità singole facenti parte di grandi società multinazionali, tra le prime mille a livello mondiale.

Rendere la BI più facile da utilizzare

Le soluzioni di BI sono utilizzate primariamente dalla comunità degli analisti d’impresa, oltre che da utenti esperti nell’uso dei dati aziendali, che la impiegano a supporto di decisioni tattiche e strategiche per la società. A questo punto, i venditori si sono resi conto che la crescita futura in quest’area riguarderà la BI operativa, con l’estensione verso un insieme più allargato di utenti, dotati di minore esperienza.
Il supporto agli utilizzatori della BI meno esperti richiede l’uso di interfacce più semplici e una maggiore automazione delle applicazioni. Questo è il motivo per il quale i venditori di Business Intelligence stanno iniziando a fornire strumenti basati sul Web, con migliori capacità di visualizzazione. Il supporto per le interfacce verso Microsoft Office e verso i portali d’impresa costituisce un’ulteriore indicazione della tendenza in direzione di una maggiore facilità d’uso.
Per gli attuali fornitori, il problema è che le rispettive soluzioni hanno architetture gonfiate e monolitiche e le recenti acquisizioni di prodotti da parte di molti di questi produttori tendono a peggiorare la situazione. L’approccio e le tecnologie mirate allo sviluppo di prodotti leggeri basati sul Web 2.0 spesso forzano i venditori a sviluppare nuove soluzioni partendo da quelle esistenti. Questo è il motivo per cui gli attuali vendor rischiano di essere messi in difficoltà da nuove società di software che entrano nel mercato con architetture di prodotto moderne senza alcun vincolo con il passato.
Un altro modo per aggiungere una maggiore usabilità delle applicazioni di BI è il miglioramento delle modalità di accesso e di interazione con i dati da parte degli utenti. Attualmente, la gran parte degli strumenti di BI accedono ai dati utilizzando interrogazioni al database guidate da interfacce grafiche (Gui). La tendenza verso l’uso di interfacce di ricerca per la BI, oltre all’ingresso in quest’area di produttori specializzati nella ricerca stessa, sta indirizzando il mercato a un cambiamento delle modalità di reperimento e messa a disposizione dei dati, tanto che le interfacce di ricerca integrate diventeranno un componente comune in tutte le applicazioni di Business Intelligence.

Un’altra opzione: il Software-as-a-Service

Un’altra direzione che sta prendendo il settore della BI è verso il modello del Software-as-a-Service (SaaS). Quest’area sta ingrandendosi rapidamente, con molti venditori di BI e di strumenti per l’integrazione dei dati che sviluppano e offrono opzioni di SaaS. Anche in questo caso, la questione è: riescono i vendor a inserire un tale modello nelle architetture esistenti, oppure sono messi in difficoltà da nuovi venditori di SaaS come Host Analytics, LucidEra, Oco, e SeaTab? Inizialmente, il modello SaaS era proposto per soluzioni in outsourcing e applicazioni operative SaaS come quelle proposte da Salesforce.com, e questa modalità diverrà sempre più generalizzata man mano che tali soluzioni continueranno a guadagnare terreno.
Altri sviluppi che verosimilmente contribuiranno a migliorare la facilità d’uso della BI sono gli approcci guidati dagli eventi, come l’integrazione dei motori per la BI e per l’automazione delle decisioni, oltre alla tendenza verso l’utilizzo di strumenti software specifici. In effetti, è assurdo che i clienti debbano impegnarsi a installare, integrare e mantenere un ampio spettro di sistemi e di prodotti software di analisi dei dati, prima di poter sviluppare le relative applicazioni. Oggi, il modello dell’offerta in quest’area è focalizzato principalmente su package che integrano hardware e software per ottenere un miglior rapporto prezzo/prestazioni. Il futuro di questo mercato, però, è in strumenti per applicazioni che integrino tutti componenti software richiesti in una soluzione unica, in grado di girare su di una varietà di piattaforme hardware.

Ridurre i costi

Il modello di prezzi attuale è sicuramente obsoleto. Semplicemente non è applicabile ai nuovi approcci di sviluppo di applicazioni su larga scala e indirizzate a servizi sul Web. Sviluppi del costo di milioni di dollari possono essere accettabili solamente per società molto grandi, mentre non lo sono per un numero sempre crescente di imprese di ogni tipo.
Microsoft sta già erodendo la quota di mercato dei grandi attori della BI, integrando le relative funzionalità nella sua offerta principale. Okay! Ma anche se i prodotti Microsoft non hanno sempre la medesima funzionalità di quelli offerti da produttori specializzati, risultano comunque adeguati per moltissimi clienti.
Dobbiamo poi considerare anche i vendor di prodotti per la BI open source, che risultano sempre più interessanti per i clienti che mirano alla riduzione dei costi. Attualmente, l’uso di software “aperto” riguarda soprattutto i sistemi operativi, ma continua a crescere anche l’uso di prodotti per la ricerca e la gestione delle informazioni e, quindi, la prossima area interessata sarà quella della BI. Società come JasperSoft, Pentaho e Talend già dispongono di offerte che soddisfano le necessità di molti clienti. Alcune di queste soluzioni open source contengono anche componenti commerciali, ma spesso hanno alle spalle grandi comunità di utenti che consentono ai produttori di sviluppare rapidamente nuove funzionalità, oltre che di fornire un buon supporto ai clienti.
Come abbiamo già detto, l’approccio agli strumenti software è di fornire soluzioni facili da utilizzare, oltre che con un miglior rapporto prezzo/prestazioni. Questa parte del mercato della BI sta crescendo man mano che le imprese iniziano ad applicare tale approccio per sviluppare applicazioni di questo tipo, che prima sarebbero risultate semplicemente  troppo costose a causa della grande massa di dati e di elaborazioni da considerare. Come dimostra la storia, tuttavia, basare la vostra strategia di marketing unicamente sul rapporto prezzo/prestazioni è una decisione perdente nel lungo termine, perché i vendor di strumenti per lo sviluppo pongono un’attenzione sempre crescente alle applicazioni e al software.

Dove stiamo andando?

E’ evidente che gli utenti siano alla ricerca di approcci più semplici e meno costosi. Questo aprirà il mercato a nuovi produttori di soluzioni di BI e all’uso di nuove tecnologie dirompenti. Il problema per lo staff It è che tutto questo può portare ad applicazioni frammentate, accumulo di dati e difficoltà di integrazione. Naturalmente ciò non rappresenta niente di nuovo, dato che poche imprese posseggono un’unica architettura integrata di BI e i nuovi sviluppi delineati in questo articolo significano che si deve andare avanti normalmente, con la speranza di una significativa riduzione dei costi!

Verso una BI più semplice e a minor costo - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer