Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Giugno 2008

I contenuti “Killer” del Web

Gerry McGovern by Gerry McGovern

Diciamo che state pensando di volare verso una meta qualsiasi. Che cosa ricerchereste? Una tariffa ribassata o un volo a basso costo? Ricerche effettuate indicano che le persone cercano nel Web l’espressione “voli a basso costo” oltre 400 volte di più, rispetto a “tariffe più economiche”. Perciò, se state vendendo voli a tariffe ribassate, è importante che usiate il termine “voli a basso costo” nelle vostre campagne pubblicitarie e di marketing.Ricordo di aver spiegato una volta questo concetto a un alto dirigente di una grande compagnia aerea. In risposta, scrollò le spalle affermando che la sua compagnia non avrebbe mai usato le parole “voli a basso costo” sul proprio sito Web. Aggiungendo: “Danneggerebbe l’immagine del brand”, (questi marchi aziendali sono sempre molto sensibili a ogni minaccia di appannamento). Al tempo della nostra conversazione, questa compagnia aerea stava vivendo una serie di difficoltà finanziarie. Questo non può destare meraviglia, aveva mancato di rendersi conto di un trend economico fondamentale: adesso sono le parole indirizzate a una maggiore attenzione dei clienti che devono guidare la comunicazione.Ci vuole del tempo per passare dal linguaggio proprio dell’organizzazione a iniziare a pensare con quello del cliente. Le compagnie aeree a basso costo di successo, come Air Lingus e Ryanair si sono accorte che, sul Web, il cliente controlla il linguaggio utilizzato.Ryanair: La Compagnia Aerea con tariffe più basse PRIMARyanair: Volate a basso costo ADESSO

Aer Lingus: Tariffe basse. Viaggiate meglio PRIMAAer Lingus: Con le tariffe più economiche di Aer Lingus ADESSO

Entrambe le due compagnie aeree si sono mosse dall’espressione “tariffe basse” alla nuova parola “economiche”. Si tratta di un cambiamento molto difficile da effettuare perché, nel pensare comune, a un marchio economico viene associata una minore qualità. Bene, questo però non ha certamente nuociuto all’immagine di Ryanair e di Air Lingus. E, a proposito della compagnia aerea che ho menzionato in quanto aveva rifiutato di usare la parola “economiche” sul proprio sito Web, secondo le ultime notizie ricevute è stata posta in liquidazione (naturalmente, però, pur nel fallimento il marchio ha conservato la propria dignità).

Le persone condividono parole di attenzione comuniQuando si trovano ad affrontare una particolare attività, le persone di ogni parte del mondo usano le stesse parole di base per risvegliare l’attenzione. E’ semplicemente un luogo comune affermare che, se chiudete venti persone in una stanza e chiedete loro di scegliere un insieme di venti parole di attenzione, le risposte saranno totalmente differenti per tutti e venti i casi. Certamente, vi potranno essere alcune sottili o anche importanti differenze, ma esisterà sicuramente una forte convergenza sulle parole più forti e quindi più comuni. Io ho condotto un esperimento in undici nazioni diverse, facendo entrare ogni volta cento persone in una stanza per scoprire le parole che risvegliano l’attenzione dei turisti, con lo scopo di aiutare a raggiungere il successo per una compagnia immaginaria, chiamata Great Irish Holidays.Oppure sarebbe stato meglio chiamarla Great Irish Vacations? In Irlanda, diciamo che stiamo andando in vacanza (holiday) quando partiamo per due o tre settimane. Negli Stati Uniti, invece, il termine holiday è usato per una festa ufficiale – per esempio, il Quattro Luglio. Se l’intervallo dell’interruzione dal lavoro è più lungo, allora siete in vacanza (vacation). Ecco perché i turisti americani cercano nel Web la parola “vacation” e non “holidays”.Il PUNTO KILLER: identificare le parole di attenzione comuniIl contenuto delle scelte di queste mille persone fu sorprendente. Avevo chiesto loro di scegliere le loro dieci parole favorite all’interno di una lista con 136 opzioni. Oltre il 45% dei partecipanti ha scelto le dieci parole in cima alla lista. Le 70 parole potenziali verso il basso della lista furono scelte da meno del 3% dei partecipanti. Questa la conclusione: sia che siate a Boston, Belfast, Bruxelles o Brisbane, esistono alcune determinate parole che vi vengono subito in mente pensando a una vacanza.Le prime quindici parole prescelte furono, nell’ordine:1. Sistemazione2. Offerte speciali3. Pianificare un viaggio4. Informazioni sull’Irlanda5. Come arrivare e muoversi6. Cose da fare e da vedere7. Accordi da prendere8. Cosa vedere e fare9. Libri e guide turistiche10. Patria11. Pacchetti di viaggio per l’Irlanda12. Il meglio dell’Irlanda13. Come contattarci14. Prenotazione dei viaggi15. Informazioni sulla Compagnia

Le parole indicate definiscono le aree comuni da considerare nel sito Web della Great Irish Holidays (naturalmente, esistono alcune parole simili o duplicate nella lista riportata e ce ne occuperemo più avanti). Queste parole ci indicano che cosa richiedono i turisti.• Vogliono un posto per dormire• Vogliono offerte e accordi speciali• Gradiscono l’opzione di un pacchetto quando ogni cosa è prevista e non devono preoccuparsi di nulla• Vogliono una lista del “Meglio dell’Irlanda”, e una di che cosa fare e vedere.• Vogliono conoscere la Great Irish Holidays per capire se possono fidarsi delle sue offerte.• Vogliono essere in grado di contattare senza difficoltà la Great Irish Holidays.

Le implicazioni di queste parole sono fondamentali e si riferiscono a un tipo specifico di compagnia e, per esempio, a un grande sforzo per mettere insieme offerte e accordi speciali con le promozioni a pacchetto. Se venissero veramente adottate dalla Great Irish Holidays, rappresenterebbero – con un piccolo numero di parole – esattamente il tipo di attività della compagnia.

Le vostre parole di attenzione NON sono quelle dei vostri clienti

Ancora e ancora, ho riscontrato che le parole di attenzione delle organizzazioni non corrispondono a quelle dei clienti. Prendete, per esempio, il turismo in Irlanda. La maggior parte dei turisti vedono l’Irlanda come una singola destinazione. Tuttavia, l’industria del turismo irlandese vede l’Irlanda in modo molto finalizzato verso gli interessi locali. Per esempio, il proprietario di un hotel è interessato solamente alla promozione del suo hotel nell’area geografica locale di riferimento.Il caso è simile con gli enti incaricati della promozione del turismo irlandese. Esistono alcuni tentativi di promuovere l’Irlanda come destinazione singola, ma esistono molti enti – sia ufficiali sia volontari – che focalizzano la propria attività nel promuovere la loro area geografica o gli interessi locali. Qui indichiamo solamente alcuni degli enti ufficiali responsabili del turismo in Irlanda: Tourism Ireland, Fáilte Ireland, Northern Ireland Tourist Board, Shannon Region Tourism, Dublin Tourism, Ireland West Tourism, e South East Tourism. Almeno per alcuni aspetti, ciascuno di questi enti si vede in concorrenza con gli altri.Parte delle parole di attenzione per il turismo prescelte per Great Irish Holidays comprendono una lista di nomi geografici. La tabella seguente indica come questi nomi abbiano un riferimento con le prime quindici parole indicate dalle persone.

Parole di attenzione del cliente Numero delle scelte Parole di attenzione geografiche degli enti del turismo Score

Sistemazione 2479 Dublin 263
Offerte speciali 2373 Regions 160
Pianificare un viaggio 1375 Southest 26
Informazioni sull’Irlanda 1234 West 22
Come arrivare e muoversi 1146 Northwest 15
Cose da fare e da vedere 1084 Northern Ireland 10
Accordi da prendere 1052 32 Counties 8
Cosa vedere e fare 1032 Midlands East 0
Libri e guide turistiche 977 Shannon 0
Patria 885 Southwest 0
Pacchetti di viaggio per l’Irlanda 829   0
Il meglio dell’Irlanda 793    
Come contattarci 741    
Prenotazione dei viaggi 707    
Informazioni sulla compagnia 557    
       

Di tutte le mille persone in 11 Paesi diversi che hanno scelto le parole di attenzione per il turismo, praticamente nessuno ha votato per parole geografiche. Solamente Dublino ha ricevuto un punteggio significativo di 263 voti (su un totale di 30.612), ma si tratta comunque di un risultato molto scarso se confrontato con la parola più popolare – “sistemazione” – che ha ricevuto 2.479 voti. E’ evidente che, quando aprono la home page di un sito per il turismo, altre cose risultano molto più importanti – come sistemazione, offerte speciali, pacchetti e così via.I siti Web del turismo irlandese tendono a enfatizzare prima di tutto le Regioni. Questa è una cosa perfettamente naturale – se siete un funzionario del turismo che lavora nel sud Est dell’Irlanda, siete pagato dall’ente South East Tourism. E’ difficile tenere presente che, in ultima analisi, siete pagato dai turisti e, se non vi adeguate alle loro necessità, diventano meno propensi a visitare il vostro Paese. Il turismo irlandese quindi, enfatizzando la struttura organizzativa sul Web, sta creando un grande problema invece di adeguarsi a ciò che desiderano i turisti – un problema rilevante per la maggior parte delle organizzazioni.Un po’ di tempo fa, ho condotto un esercizio sulle parole di attenzione insieme a un dipartimento governativo per l’istruzione. Chiesi allo staff di indicare quelle che ritenevano fossero le parole di attenzione più importanti che sarebbero dovute apparire nella home page del sito Web del dipartimento. Le loro scelte furono influenzate dai lettori target che avevano identificato in precedenza, e che erano genitori e insegnanti. Ecco quello che è venuto fuori:1. Consultazioni pubbliche2. Report e pubblicazioni3. Notizie e informazioni4. Scuole5. Politiche

Quando finirono, uscirono dalla sala e io chiesi agli insegnanti e ai genitori di compiere il medesimo esercizio. Ecco quello che scelsero gli insegnanti come prime cinque indicazioni:1. Insegnanti2. Curriculum, programmi e guide d’insegnamento3. Materie d’insegnamento4. Pianificazione di lezioni degli insegnanti5. Curriculum

Questo è quanto hanno scelto i genitori:1. Curriculum, programmi e guide d’insegnamento2. Supporto ai miei bambini3. Informazioni generali sugli esami4. Protezione dei miei bambini5. Ricerca della scuola

Mentre esistono alcune correlazioni tra le parole di attenzione degli insegnanti e quelle dei genitori, non c’è alcuna corrispondenza tra quello che pensava lo staff del dipartimento dovesse apparire sulla home page del sito Web, e su che cosa i due mercati target fondamentali avrebbero desiderato vedere. L’interesse dei semplici cittadini ricade su cose come “politiche” e “report e pubblicazioni”, mentre gli insegnanti sono attenti agli “insegnanti” e “alla pianificazione delle lezioni degli insegnanti”, così come i genitori sono attenti al “supporto” e alla “protezione” dei loro bambini.Perciò, per favore, non cadete nella trappola di pensare che quello che interessa a voi come organizzazione sia anche quello che desiderano i vostri clienti. Pensate a Mary, Jennifer, Tomas e Johan ogni giorno. Mantenete i vostri potenziali lettori del Web in maniera completamente integrata nelle vostre procedure di lavoro in modo da riuscire a parlare il loro linguaggio e non il vostro.

I contenuti “Killer” del Web - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer