Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Marzo 2008

Lo scenario Ecm 2008

Alan Pelz-Sharpe by Alan Pelz-Sharpe

Siete coscienti di avere un problema di gestione delle informazioni, ma di che genere? Definire l’esatta natura delle esigenze rappresenta sempre la metà della battaglia per risolvere la questione.

Le soluzioni tecnologiche relative ai problemi dell’impresa associati con la produzione, conservazione e distribuzione delle informazioni, storicamente hanno dato luogo a gruppi diversi di software gestionale:

·    Cattura e creazione di immagini;

·    Collaborazione;

·    Rm: Records management, ovvero gestione dei record;

·    Dam: Digital assets management, gestione del patrimonio digitale;

·    Dm: Document management, gestione dei documenti;

·    Gestione del workflow/processi dell’impresa;

·    Km: Knowledge management, gestione della conoscenza;

·    Wcm: Web content management, gestione dei contenuti del Web.

 

Oggi, però, le linee di separazione tra questi segmenti di prodotti sono divenute ancora più indistinte e, conseguentemente, esiste una grande confusione su quanto viene sempre di più definito come “Enterprise content management”, o Ecm, cioè come gestione dell’insieme delle informazioni patrimonio dell’impresa.

Ad alimentare questa confusione è la rapida espansione di caratterizzazioni diverse tra i vendor di prodotti Ecm per assicurarsi quote di mercato sempre maggiori, oppure semplicemente mirate a stendere un mantello Ecm sui rispettivi prodotti esistenti. Mentre alcune società hanno adottato un approccio di partnership – in particolare i venditori maggiormente specializzati –, il mercato nel suo insieme ha visto una sostanziale convergenza, consolidamento e sovrapposizione di prodotti. Questa situazione, alla quale si aggiunge un’informazione di marketing ancora imprecisa, anche se sempre più estesa, può rendere difficile la comprensione delle capacità reali offerte dalla proposta di ogni vendor.

In aggiunta, un fornitore può offrire solamente una soluzione per una singola funzionalità, come Imaging, o Rm o Wcm, definendosi comunque venditore “Ecm” completo, perché il suo target commerciale è costituito da clienti a livello dell’intera impresa, oppure semplicemente perché con questo termine il proprio software può sembrare più sofisticato e di maggior valore.

I tipici progetti Ecm possono contenere una forte funzionalità di Dm, Dam o Wcm, realizzata utilizzando contenitori di dati, ovvero database settoriali, all’interno dell’impresa e promettono, fondamentalmente, un approccio altamente scalabile verso le necessità pratiche comuni a tutti i livelli di utenza. In teoria, questa è una buona strategia che viene applicata già con successo da grandi società attive specialmente nel settore tecnologico. Tuttavia, attualmente vediamo alcuni ripensamenti verso questo approccio in alcune aree, per ragioni finanziarie e anche perché il tempo di implementazione tra molti database può risultare estremamente poco pratico. Per i progetti di Imaging, il consolidamento all’interno dell’impresa può avere sicuramente senso mentre, per la gestione dei contenuti del Web (Wcm), la soluzione risulta meno ovvia. Nel medesimo tempo, molte imprese stanno iniziando a fornire la gestione dei contenuti come servizio centrale per le diverse unità di business. In ogni caso, questa definizione significa che qualsiasi grande vendor compreso tra le categorie citate sopra può definirsi come attore nell’area Ecm (e molti infatti lo fanno).

Cos’è la gestione dei contenuti

In sintesi, nessuno realmente è d’accordo sul significato univoco di Ecm e le diverse definizioni fornite fino a oggi non sono in grado di aiutare molto gli acquirenti della tecnologia.

Fondamentalmente, tutti i sistemi di gestione dei contenuti operano allo stesso modo: acquisiscono le informazioni e vi aggiungono valore, applicando processi di approvazione o altri tipici dell’impresa, per restituirle poi in output secondo formati predeterminati. All’interno di qualsiasi sistema di gestione dei contenuti, a prescindere dalla loro tipologia, normalmente sono disponibili parecchie funzionalità standard in grado di supportare questi processi dell’impresa. L’insieme di tali funzionalità fondamentali allarga lo spettro funzionale in ambito Ecm, dall’Imaging al Dm e dal Dam al Wcm e, in tali spazi, possiamo ritrovare praticamente tutti i package dei maggiori fornitori che operano in queste aree. Sia che il contenuto in questione sia costituito da testo, immagini, documenti binari, nodi Xml, file multimedia, forme o altro, queste capacità fondamentali risultano essenziali in ogni sistema di gestione dei contenuti:

I diritti e i privilegi dei fornitori di informazioni e dei manager debbono essere gestiti correttamente, normalmente in base a regole predefinite. Questo promuove la sicurezza e assicura che le persone dello staff che partecipano al progetto si impegnino in attività eseguibili e appropriate.

  • I contenuti debbono essere assimilati nel sistema e spesso è necessario trasformarli in un formato utilizzabile, così come ne devono essere evidenziati gli autori. Ciò consente di gestire attivamente le informazioni patrimonio dell’impresa;
  • I singoli database debbono essere gestiti mediante un controllo efficace della coerenza delle versioni in uso. Per assicurare l’integrità e l’autorevolezza dei rispettivi contenuti;
  • Il contenuto deve essere indicizzato e/o classificato. Per permettere di ritrovare più facilmente le informazioni in un tempo successivo e di riutilizzarle in maniera più estesa, con un minimo intervento umano.
  • Devono essere attivati meccanismi di workflow. Questo aiuta ad assicurare consistenza, qualità, controllabilità e affidabilità dei contenuti, oltre che dei processi dell’impresa;
  • I contenuti debbono essere presentati in versioni locali a uso di un’audience multietnica sia di utenti che di autori. Consentendo alle imprese di estendere gli sforzi di gestione dei propri contenuti superando i confini e i vincoli nazionali;
  • I contenuti debbono essere considerati correttamente per un ciclo di vita effettivo che termini con l’archiviazione o con la dismissione delle informazioni.

Tuttavia, i punti-funzione relativi a Web content management, Document and Records management, Digital assets management e altro, rappresentano ancora insiemi di soluzioni distinte, ciascuno con le proprie necessità e vincoli tecnici o relativi all’impresa perciò, anche se gli elementi tecnologici sono simili o perfino identici, l’organizzazione e la struttura dei contenuti – per esempio, per gli utenti del Web, dei media di consumo o dei documenti interni – rimangono assolutamente distinte.

La crescita delle “Suite” Ecm

La maggior parte dei venditori esaminati da Cms Watch (società di analisti di tecnologia vendor-neutral che si occupa di Ecm – www.cmswatch.com) hanno sviluppato “suite” con punti multifunzione – spesso mediante l’acquisizione di società di software specializzate – che si applicano ad alcune o anche alla maggior parte delle funzioni o prodotti della famiglia Ecm: dall’Imaging fino alle capacità di Dm, Wcm, Dam, collaborazione, raggruppamento e altro. Come altri analisti, Cms Watch definisce queste offerte “Ecm suite”, mentre Gartner (www.gartner.com) le ha etichettate come “Smart enterprise suite”.

Alla superficie del problema, i venditori dimostrano un forte impegno per le suite multifunzionali: alcuni dei loro maggiori clienti – che probabilmente hanno già investito in maniera sostanziale in tali piattaforme e in particolari interfacce applicative (Api) – richiedono sempre di più soluzioni complete, orientate a una gestione maggiormente integrata dei contenuti. L’ottenimento di moduli software multipli da parte di un vendor dovrebbe ridurre i costi di utilizzo e di supporto da parte dei clienti, così come dovrebbe potenzialmente facilitare e accelerare i progetti di integrazione, che risultano comunque sempre difficili e lunghi nel tempo. Un singolo produttore, fornendo una varietà di servizi funzionali diversi su una singola piattaforma, teoricamente può supportare un documento nel corso di una porzione più lunga del suo ciclo di vita, dalla creazione fino alla sua distruzione.

L’Ecm rimane quindi un settore dell’industria del software in continua evoluzione e difficile da definire. È ancora più importante, poi, considerare l’Ecm come una disciplina per la gestione delle informazioni fondamentale per ogni organizzazione, molto più di quanto abbiamo pensato fino a oggi. La differenza, rispetto al passato, consiste negli enormi volumi di informazioni elettroniche che oggi sommergono le nostre organizzazioni, richiedendo perciò nuovi strumenti e nuove tecniche. In altri termini, sia l’Ecm che le diverse specializzazioni nella gestione delle informazioni continueranno a crescere di importanza e ad acquistare una maggiore consistenza, così come lo scenario del software e dei fornitori si modifica regolarmente.

Considerando l’evoluzione nel corso del 2008 – vediamo una forte mancanza di specializzazione nel mercato, unita a una spinta emergente alla realizzazione di soluzioni che non possono risolvere il nostro problema considerando solamente l’aspetto software. Infine, si evidenzia anche una corsa a chiudere il gap esistente. A questo punto, rimane la sfida sia per gli specialisti della tecnologia che per quelli delle imprese che operano nelle organizzazioni grandi e piccole in ogni parte del mondo. Una sfida che rappresenta anche un’opportunità per molti.

Lo scenario Ecm 2008 - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer