Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Settembre 2007

Web 2.0

Ed Yourdon by Ed Yourdon

Il termine “Web 2.0” fu introdotto da Tim O’Reilly (http://radar.oreilly.com/archives/2005/10/web_20_compact_definition.html). Possiamo sintetizzarne il significato nel modo seguente: Web 2.0 è una combinazione di tecnologie, pratiche commerciali e tendenze sociali che facilitano la creazione, controllo e condivisione dei contenuti in Internet. Sono disponibili molte altre definizioni, compresa una del Pew Report www.pewinternet.org/PPF/r/189/report_display.asp) e una presentazione intrigante su di un videoclip di YouTube (www.youtube.com/watch?v=6gmP4nk0EOE). In effetti, la stessa realtà di YouTube rappresenta un notevole esempio di Web 2.0, con oltre cento milioni di download al giorno di video creati e aggiornati soprattutto da singoli individui.

“Individui che creano e pubblicano i propri materiali su Internet” suona come una frase inoffensiva, tanto che molte persone associano questo concetto a siti definiti “reti sociali”, come MySpace, dove teenager solitari passano innumerevoli ore inserendo dettagli insignificanti del loro vivere quotidiano. Ma, nel momento in cui il Web 2.0 entrerà nel grande flusso commerciale della rete e della comunità sociale allargata, il suo impatto risulterà molto più significativo – oltre che molto più controverso – rispetto a quanto sia mai avvenuto con la prima ondata della tecnologia Web/Internet (oggi identificabile come Web 1.0).

CARATTERISTICHE DEL WEB 2.0

Web non è un semplice concetto “tutto o niente”, ma esistono alcuni temi comuni che sentirete immancabilmente in ogni discussione sul Web 2.0. Il tema più importante è quello del “bottom-up”, ovvero del procedere dal basso verso l’alto, che indica il controllo individuale del materiale inserito in Internet, in opposizione al tradizionale concetto di top-down, ovvero dall’alto verso il basso, del meccanismo di “pubblicazione” controllata gerarchicamente, prevalente con il Web 1.0. Questo nuovo approccio non rappresenta unicamente un punto di partenza, ma spesso è un autentico attacco al business e alle strutture politiche e sociali tradizionali, nelle quali figure come manager, leader politici e autorità varie decidono quali informazioni debbano essere pubblicate e a quali livelli lavorativi sottostanti e individui del pubblico debbano essere distribuite.

Un buon esempio di tale fenomeno è rappresentato dall’enciclopedia gratuita online Wikipedia, nei confronti di enciclopedie tradizionali come l’Enciclopedia Britannica. La versione in lingua inglese di Wikipedia non solo risulta circa venti volte più estesa della Britannica (1,78 milioni di articoli in Wikipedia contro circa 100.000 nella Britannica) e inoltre è disponibile in approssimativamente cento lingue diverse (la versione italiana, disponibile all’indirizzo Internet http://it.wikipedia.org/wiki/Pagina_principale, è una delle due dozzine di versioni in lingue diverse che contengono più di 100.000 articoli). Ma, in aggiunta, esiste un aspetto molto più importante: nessuno è responsabile di Wikipedia.

Perciò, mentre le enciclopedie tradizionali come la Britannica sono sottomesse a politiche editoriali formali mirate a controllare la creazione e pubblicazione degli articoli da parte di “esperti” in vari campi, Wikipedia applica un approccio totalmente differente: qualunque individuo può inserire un nuovo articolo o modificarne uno esistente, senza alcun permesso preventivo. Se qualcuno avesse proposto un approccio di questo tipo solamente dieci anni fa, si sarebbe coperto di ridicolo. Oggi, invece, è applicato e funziona bene. In aggiunta, recenti confronti hanno indicato che l’accuratezza delle informazioni è praticamente la stessa di quella di un’enciclopedia formale come la Britannica e che il tempo medio impiegato da chiunque (in qualsiasi parte del mondo) per identificare e correggere un eventuale errore in Wikipedia è di quattro minuti.

Wikipedia rappresenta anche un esempio di un altro tema del Web 2.0: la collaborazione peer-to-peer su progetti di mutuo interesse. Infatti, anche se un articolo per Wikipedia può essere scritto da un singolo individuo, la maggior parte degli articoli “significativi” derivano da sforzi di collaborazione di numerose persone che possono anche non conoscersi tra di loro. È rimarchevole osservare come questi sforzi di collaborazione riescano a intervenire su disastri su larga scala (per esempio, l’uragano Katrina) entro poche ore dall’avvenimento. Per un esempio recente, vedi l’articolo Wikipedia sul massacro presso il campus Virginia Tech dell’aprile scorso (http://en.wikipedia.org/wiki/Virginia_Tech_massacre).

Ciò che ha compiuto Wikipedia a livello sociale, inizia a essere fatto a livello commerciale da parte di alcune società – cioè utilizzarne gli articoli per supportare sforzi collaborativi su diversi progetti. L’applicazione di questo approccio con i membri del team del progetto non crea controindicazioni, ma imprese più audaci stanno anche invitando a collaborazioni e partecipazioni esterne “al di fuori del firewall” – per esempio, collaborazioni da parte di ex dipendenti, pensionati, clienti o anche membri qualsiasi del pubblico.

TECNOLOGIE

La tecnologia assolutamente fondamentale per i prodotti e servizi Web 2.0 è l’accesso a Internet ad alta velocità, oltre che senza problemi di disponibilità. Queste caratteristiche non erano disponibili dieci anni fa, mentre oggi l’accesso a Internet su banda larga è largamente presente nella maggior parte dei Paesi più avanzati e in molte nazioni in via di sviluppo, all’interno di case, uffici, scuole e perfino su piattaforme mobili come i telefoni cellulari. Per altro, non siamo ancora a una copertura a livello universale e, anche se un miliardo di Pc e due milioni di telefoni cellulari rappresentano una cifra notevole di utenti potenziali, rappresentano comunque una minoranza rispetto all’intera popolazione del pianeta.

Accanto all’accesso a Internet ad alta velocità, molti prodotti Web 2.0 usano una combinazione di Javascript e Xml conosciuta come Ajax. Inoltre, vengono utilizzate comunemente anche tecnologie familiari come Rss e nuovi ambienti di sviluppo come Ruby o Rails.

Con queste tecnologie, oggi i venditori offrono prodotti e servizi Web 2.0 che operano direttamente dal Web stesso, invece che tramite un computer fisso o portatile. Google è probabilmente il fornitore più conosciuto con questo approccio, con il suo “Google Apps” che fornisce un servizio semplice ma adeguato di word-processing, foglio elettronico e capacità di presentazione, tutte funzionalità che competono con i prodotti tradizionali basati sul Pc come Microsoft Office. Ciò che rende Google Apps un esemplare di Web 2.0 non è solamente il fatto di essere gratuito, ma anche la capacità di supportare e incoraggiare la collaborazione tra più utenti di presentazioni, documenti o fogli elettronici condivisi.

IMPLICAZIONI PER LE IMPRESE

Le organizzazioni commerciali possono usare Ajax e altre tecnologie per fornire ai propri clienti con accesso a Internet prodotti e servizi più rapidi, più interattivi e più semplici da utilizzare e, se non lo faranno, esiste una sempre maggiore probabilità che lo facciano i loro concorrenti.

Infatti, le imprese hanno anche l’opportunità di usare blog, wikis e altri strumenti per incoraggiare la collaborazione tra i membri di un team di progetto o tra individui che operino all’interno di uno stesso dipartimento – oppure, infine, tra tutti i dipendenti all’interno di un’organizzazione.

Molte società tradizionali si oppongono all’estensione di tale tipo di collaborazione al di fuori dei firewall dell’organizzazione. Non vogliono che i dipendenti scrivano blog che possano essere letti dai clienti e dal pubblico in generale – anche se società come IBM, Intel, e Microsoft (e molte altre) stanno dimostrando che si tratta di un fenomeno che può anche portare benefici, se gestito correttamente (per esempio, Microsoft ha tremila blog). E mentre molte società stanno ancora usando Internet seguendo lo stile Web 1.0 per “spingere” le informazioni verso i clienti, risultano contemporaneamente lente nel considerare l’idea di consentire ai clienti (così come agli ex dipendenti a vario titolo) di fornire i propri input per collaborare e comunicare con l’organizzazione del momento.

TENDENZE

Mentre le organizzazioni conservatrici, così come i manager meno giovani e altri individui, continueranno inevitabilmente a resistere alla natura collaborativa dal basso verso l’alto del Web 2.0, le nuove generazioni di lavoratori, studenti e cittadini l’anno già adottata, tanto che organizzazioni più giovani e snelle utilizzano questi approcci per competere con successo contro concorrenti più grandi e con maggiori risorse finanziarie.

Attualmente, la tecnologia è divenuta talmente economica e diffusa che le organizzazioni tradizionali e i governi ne hanno perso il controllo. I governi sono in grado di bloccare gli accessi a Internet o a chiudere servizi considerati inaccettabili, come Google e YouTube; ma questo costituisce solamente un ostacolo a breve termine. Le imprese possono proibire l’uso dei blog e tentare di controllare il modo con cui i propri dipendenti accedono a Internet, ma la maggior parte di questi hanno un computer a casa e posseggono telefoni cellulari personali che consentono comunque loro di comunicare con i loro pari, via Internet, ovunque si trovino. Inoltre, gli individui e i dipendenti più giovani non solo hanno una maggiore familiarità e facilità d’uso con queste tecnologie rispetto ai manager e genitori di mezza età, ma hanno anche una maggiore volontà di usare la tecnologia per aggirare l’imposizione di eventuali controlli gerarchici tradizionali.

Questa tendenza continuerà verosimilmente per la prossima decade, perché il trend dei miglioramenti hardware e software dei computer continuerà al tasso attuale per almeno questo arco di tempo. La Legge di Moore – che afferma che l’’hardware dei computer raddoppia in potenza e capacità ogni diciotto mesi – si è rivelata veritiera a partire dalla fine degli anni ’60 e continuerà a esserlo per i prossimi dieci anni. A questo punto, l’attuale progetto ambizioso “Un laptop per ogni bambino” (vedi, per i dettagli, www.laptop.org) che si pone l’obiettivo di fornire a milioni di bambini nelle nazioni in via di sviluppo computer laptop al costo per i rispettivi governi di cento dollari l’uno, sembra semplicistico: entro dieci anni, i laptop da 100 dollari costeranno solamente un dollaro.

Entro i prossimi dieci anni, saremo andati anche oltre il Web 2.0; probabilmente staremo parlando del Web 3.0, o forse di tecnologie ancora più avanzate. In altri termini, ci stiamo avviando verso un mondo in cui virtualmente ogni individuo avrà accesso alla tecnologia del momento, con la possibilità di determinare – per se stesso – come utilizzarla per comunicare, cooperare e collaborare con ogni altro membro della razza umana.

Web 2.0 - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer