Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Giugno 2004

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?

James Hobart by James Hobart

Quale problema con html?

Attualmente, per il 95 per cento del web, html opera in maniera eccellente nel fornire contenuti agli utenti. Tuttavia, nel caso di applicazioni su larga scala a livello dell?intera impresa diffuse via web, spesso html semplicemente non fornisce quanto si aspettano gli utenti. Siamo stati chiamati a partecipare a numerosi interventi per la soluzione di casi in cui la ?vecchia? applicazione client/server era stata sostituita con una nuova basata sul web, solamente per trovare utenti frustrati che ci raccontavano come una transazione tipica richiedesse troppi click sul mouse, oppure come una navigazione su pagine multiple producesse perdite di dati premendo il tasto .

Sembra che il problema del ?click/refresh? html/browser non verrà risolto presto. Comunque, il tempo di risposta troppo lento rimane il problema maggiore associato alle applicazioni transazionali basate su Internet. Apprezzabili tentativi di risolvere questi problemi di usabilità e di performance sono stati effettuati da team di sviluppo fortemente impegnati; ma, alla fine dei conti, continuiamo a vedere un pesante insieme di codifica di tipo JavaScript, progetti in ritardo e utenti finali frustrati.

Dove serve qualcosa in più

Una fase di progettazione di una UI (User Interface) rappresenta il modo di descrivere nel dettaglio una soluzione di provata efficacia per un problema di progettazione conosciuto. Classifichiamo le fasi di progettazione delle UI in ?domini? di alto livello, nel senso di raggruppamento di modelli di operazioni analoghe, schemi di attività e vincoli di diffusione verso gli utenti.

La combinazione html/browser, risultata eccellente per l?area B2C (business to consumer), dimostra rapidamente i suoi limiti in domini più complessi come il B2E (business to employee) e B2B (business to business), nei quali si incrementano in maniera significativa la frequenza d?uso, la complessità e la scala dei fenomeni. Spesso questi domini contengono applicazioni a disposizione dei dipendenti dell?impresa, che debbono utilizzarle obbligatoriamente (Crm, Erp?).

Man mano che le imprese tentano di migliorare, utilizzando quanto hanno imparato dai sistemi esterni con cui si confrontano, si rendono conto che i tipi di utenti sono molto diversi tra loro e che i vincoli di diffusione delle applicazioni, come il supporto dei browser, non sono così ampi. Estendere la funzionalità dei browser per soddisfare le necessità di questi modelli di UI, spesso, richiede l?impiego di nuove tecnologie, standard di diffusione e test di usabilità, per garantire che i nuovi modelli risultino utili per migliorare l?esperienza degli utenti.

 

Applicazioni via Internet

L?alto costo per supportare soluzioni ?tick client?, seguite da molti tentativi di soluzioni thin client a ?impatto zero?, ha portato alla prossima generazione di UI rich client, a loro volta indicate come ?smart client?, ovvero client intelligenti. Questi smart client possono utilizzare un server web oppure le estensioni di un server, per caricare la quantità di codifica strettamente necessaria per ottimizzare l?attività dell?utente, con riferimento alla larghezza di banda della rete e ai vincoli architetturali dei sistemi.

Spesso, esiste un piccolo applet Java, oppure un software proprietario, che gestiscono le comunicazioni dal lato server per facilitare via xml o Java il comportamento dello ?smart client?. La flessibilità nel modo con il quale comunicano il client e il server risulta critica nel momento in cui si rendono operative applicazioni complesse al livello dell?intera impresa.

Come abbiamo avuto modo d?imparare durante l?era client/server, risulta critico separare i rispettivi livelli di presentazione, operativi e dei dati. Le soluzioni rich client, che forzano a inserire la logica operativa dell?impresa nel livello delle UI, risulteranno meno stabili e più di difficili da aggiornare, così come è avvenuto per le soluzioni html/JavaScript attivate negli ultimi anni.

La diffusione degli smart client può variare dai telefoni cellulari e Pda, fino all?implementazione di browser e ad applicazioni autonome. A causa del grande numero di utenti e di attività attualmente in uso all?interno delle grandi imprese, siamo convinti che una piattaforma solida per le applicazioni Internet dell?impresa dovrebbe supportare interamente anche i modelli degli utenti che si collegano occasionalmente, dato che questo tipo di modelli comuni di UI si sta diffondendo rapidamente.

 

 

Esempi di applicazioni rich client

La prossima generazione di applicazioni Internet sarà capace di molto di più di una semplice rappresentazione di pagine. Saranno in grado di eseguire calcoli complessi e gestire ogni tipo di elaborazione dei dati, oltre a spedire e ricevere dati in modalità asincrona, consentendo agli utenti collegati occasionalmente di attivare applicazioni in un ambiente mobile.

I problemi di presentazione delle informazioni, come la necessità di ridisegnare sezioni di uno schermo oppure la presentazione sullo schermo di visualizzazioni multiple simultanee saranno superati e tutto questo sarà disponibile indipendentemente dall?architettura di back end alla quale ci si colleghi.

Questo esempio illustra l?uso di un formulario di base sommario/dettaglio che, naturalmente, può essere realizzato in HTML. Tuttavia, il ritardo di refresh delle pagine associato con ogni click del mouse su di una tabella in un sistema transazionale con alti volumi di attività creerà un traffico di rete eccessivo, riducendo il tempo complessivo di risposta del sistema.

Utenti abituati ai tempi di risposta inferiori al secondo di applicazioni mainframe o client-server tradizionali, spesso dimenticheranno i dati nel momento in cui si muovono da una tabella all?altra, oppure semplicemente eviteranno di navigare verso altre tabelle per non subire ritardi frustranti.

Questo tipo di modelli visuali, quando siano implementati come applicazioni Internet dell?impresa, debbono consentire al team di sviluppo di affinare l?applicazione in modo da caricare rapidamente la prima tabella che debba essere visualizzata, caricando poi in maniera asincrona le tabelle secondarie in background, se necessario. In sintesi, un?applicazione Internet robusta dovrebbe consentire di minimizzare il carico di lavoro per la diffusione del client tenendo conto dei vincoli di piattaforma, di uso del modello e di larghezza di banda della rete.

 

Questo esempio illustra un buon uso di Flash per fornire un metodo ricco e interattivo per selezionare e visualizzare rapidamente la rappresentazione visiva della scelta, senza effettuare giri inutili sul server. Riteniamo che gli scenari di configurazione visiva siano uno dei migliori usi delle interfacce client Flash-rich.

Scelta della piattaforma

Siamo convinti che la scelta di una piattaforma client rich rappresenti una decisione strategica, simile a quella relative a J2EE, oppure .Net, sul server. A prima vista, alcuni team potrebbero pensare che stiano acquistando semplice librerie di software.

Tuttavia, per le applicazioni dell?intera impresa, gli elementi critici per un successo a lungo termine saranno costituiti da un ambiente elaborativo e da un?infrastruttura solida, che si integrino facilmente con le piattaforme middleware prescelte. Inoltre, se utilizzate un sistema ad alto volume di transazioni, avete bisogno di comprendere fino in fondo il modo per ottimizzare la vostra soluzione rich client, per definire al meglio la quantità di codifica da far girare sul client oppure sul server.

Al momento attuale, il campo di attività per le applicazioni Internet dell?impresa sembra avere due connotazioni distinte. La tabella seguente costituisce un sommario degli aspetti fondamentali da considerare per applicazioni transazionali Internet, ad alto volume di traffico.

Caratteristiche fondamentali da considerare per le piattaforme Internet dell?impresa

  • Applicazione degli standard (XML,J2EE)
  • Integrazione del database dal lato server
  • Estensione degli oggetti server alla Gui (Graphic User Interface)
  • Supporto delle operazioni off-line sul client
  • Supporto di sessioni client strutturate e persistenti
  • Supporto dell?attivazione automatica del client da parte del server
  • Supporto degli approcci standard alla sicurezza (crittografia dei dati, certificazioni digitali, client protetti)
  • Possibilità di adottare un modello di sviluppo meno complesso.

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html? - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer