Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Maggio 2006

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)

Max Dolgicer by Max Dolgicer

Connettività Un altro aspetto importante dell'architettura Soa è il protocollo utilizzato per stabilire il collegamento tra il client e il servizio. Con altre tecnologie (Corba, Dcom, J2ee) questi protocolli sono specifici per ciascuna piattaforma e non possono interoperare. Per esempio, vedi rispettivamente, Internet Inter-Orb Protocol (Iiop), Microsoft Rpc (MS-Rpc) e Java Remote Method Protocol (Jrmp). Come illustrato nella figura 2, client e server sono strettamente uniti nello stesso tipo di middleware. Infatti, debbono essere sviluppati e diffusi nell?ambito del medesimo prodotto di middleware. Attualmente, i protocolli più diffusi sono Soap su Http, che sono entrambi accettati universalmente e non creano alcuna dipendenza dal middleware sia per il fornitore che per l?utente del servizio.

Figura 2

Nella pratica, naturalmente, le cose non sono così semplici. L?interoperabilità senza problemi richiede la compatibilità di molto di più che solamente questi due protocolli (per esempio, richiede la formattazione dei mesaggi sulla base di un file Wsdl predeterminato), e qui si sono posti i problemi di collegamento di prodotti di venditori diversi. Tuttavia, sono stati compiuti notevoli progressi per la soluzione di questi problemi, in particolare grazie all?impegno del Web Services Interoperability Committee (Ws-I).

Tornando alla domanda iniziale di come Soa supporti la fusione dei processi, un altro componente del puzzle è rappresentato dai protocolli universali di accesso ai servizi. Questi forniscono la capacità di stabilire la connettività verso processi dell?impresa che girano virtualmente su qualsiasi tipo di piattaforma. Una volta ottenuta la connettività, potremo dedicarci poi alla composizione di un processo integrato che abbracci queste piattaforme.

Gestione dei processi (Orchestrazione)

Lo sviluppo dei processi dell?impresa è un?altra area nella quale possiamo distinguere un approccio basato su Soa, dalle tecnologie orientate agli oggetti. Per affrontare la questione, dobbiamo prima esaminare le diverse opzioni disponibili per definire e implementare, ai nostri fini, la logica dell?impresa. Questa può essere suddivisa generalmente in due categorie. La prima consiste della logica che richiede la codifica in un linguaggio di programmazione convenzionale come Java, C# ecc. Altri esempi sono i calcoli numerici, la manipolazione di testi, gli accessi al database e le interfacce utente.

Figura 3

Registrazione

Il componente finale di un'architettura orientata al servizio è un registro dei servizi, che consenta a questi ultimi di rendere pubbliche le rispettive interfacce e punti di accesso (per esempio gli Url), fornendo ai client le modalità di ricerca dei servizi che desiderino utilizzare.

L?approccio alla registazione utilizzato dai Web Services è molto diverso rispetto alle tecnologie precedenti. In teoria, un registro dei Web Services dovrebbe consentire a un client di scoprire dinamicamente (ovvero al run time e non al development time) le capacità di un servizio, per poter quindi costruire l?appropriata richiesta d?invocazione necesaria per far uso del servizio stesso.

Con Corba, Dcom e J2ee, tutto quello che avevamo era un nome di servizio che indicava un nome di base per identificare un indirizzo. In altre parole, il client poteva ottenere l?indirizzo fisico di rete di un oggetto desiderato, basandosi su alcune definizioni astratte come un nome di classe o l?identificativo di un?interfaccia. In termini pratici, tuttavia, le capacità di ricerca dinamica dei Web Services non sono completamente applicabili nei progetti reali, almeno per il momento. Questo è dovuto a numerose ragioni che vanno oltre i limiti del presente articolo.

Attualmente, un registro dei servizi standardizzato è più importante al momento dello sviluppo, quando creiamo i processi integrati. La chiave per la fusione è l?integrazione di processi multipli, precedentemente isolati, che si estendano oltre i confini manageriali e organizzativi esistenti. Come risultato, avremo a che fare con un?organizzazione di sviluppo eterogenea, ovvero un team di sviluppo delle applicazioni che tipicamente non condivide un ambiente di sviluppo comune.

Questi team hanno bisogno di avere una modalità di scambio delle informazioni ben definita, circa i servizi che possono essere riutilizzati per costruire i processi integrati. Attualmente, questo è l?aspetto maggiormente applicabile del registro.

Sviluppo di applicazioni orientate al servizio (Soda)

Fino a questo punto abbiamo discusso degli avanzamenti negli standard e tecnologie che indicano che oggi è venuto finalmente il tempo della Soa. Ancora, per comporre con successo i servizi all?interno di processi di business integrati, anche lo sviluppo dei servizi deve aderire ai principi di progettazione Soa. Questa è una lista di alcuni dei principi fondamentali:

? Semplicità ? un servizio dovrebbe fornire funzionalità chiare e ben definite;? Completezza ? un servizio dovrebbe fornire una funzione completa di business, senza coinvolgere il client in chiamate complesse e interdipendenti tra servizi multipli diversi;? Riservatezza ? un servizio non dovrebbe conservare informazioni circa un client dalle volte precedenti che sia stato invocato dal medesimo client;? Granularità ? non progettate servizi ?troppo piccoli?, in altre parole, non trasformate gli oggetti in servizi. Allo stesso tempo, non createli troppo grandi, cioè evitate i servizi monolitici;? Separazione delle relazioni ? un servizio di business dovrebbe essere separato dai servizi di infrastruttura e dovrebbe usare questi ultimi per effettuare attività standard come autenticazione, log, stampa ecc.;? Policy/contratto ? un servizio dovrebbe avere una policy/contratto definita che stabilisca regole come sicurezza, Service Level Agreement (Sla), procedure di escalation ecc.;? Attenzione al valore per l?impresa ? un servizio dovrebbe eseguire una funzione definita al livello dell?impresa e non dai vincoli al livello It.

Oltre a seguire le linee guida per la progettazione del servizio, dobbiamo anche considerare il modo in cui i servizi vengono combinati nelle fusione dei processi. Per poter risolvere questo problema con successo, abbiamo bisogno di un nuovo paradigma di sviluppo. É a questo proposito che entra nello scenario la metodologia Soda.

Soda è il paradigma di sviluppo per realizzare applicazioni nel contesto di un?architettura orientata al servizio. Mira alla composizione di un flusso di processi tale da orchestrare i servizi in un processo di busines integrato. Questo approccio è diverso dallo sviluppo orientato agli oggetti, dove l?attenzione è posta alla progettazione dei componenti e alla codifica. Al contrario, Soda utilizza un approccio allo sviluppo incentrato sui processi: gli sviluppatori costruiscono modelli il più possibile somiglianti a quelli richiesti dall?impresa.

Poiché la composizione dei processi fusi insieme è ottenuta nella maggior parte dei casi mediante l?uso di strumenti grafici, piuttosto che mediante codifica, le soluzioni possono essere create in maniera significativamente più rapida e risultano molto più semplici da modificare. Perciò, la metodologia Soda ci aiuta a raggiungere gli obiettivi che ci eravamo posti all?inizio ? avviarsi verso l?impresa in real time, fornendo nuova agilità e adattabilità al business.

Conclusione

In breve, il problema fondamentale per attivare la fusione dei processi dell?impresa è l?avvio verso un?architettura orientata al servizio, supportata dallo sviluppo di applicazioni anch?esse orientate al servizio. La fusione dei processi agisce trasversalmente nell?impresa e per svilupparla abbiamo bisogno di elementi strutturali in forma di servizi che abbiano il giusto livello di granularità. Debbono essere accessibili tramite protocolli accettati universalmente, che ci forniscano una connettività indipendente dalle piattaforme.

Essendo in grado di adattare un processo così integrato alle necessità mutevoli dell?impresa, realizzano uno stretto collegamento tra i seervizi, caratteristica importante delle interfacce dei Web Services. Infine, abbiamo bisogno di uno sviluppo incentrato sui processi che sia mirato alla composizione di servizi in processi fusi tra loro e allineati strettamente con le necessità dell?impresa. Il diagramma di Figura 4 mette insieme tutte le tessere del puzzle.

Figura 4

In chiusura, una parola di cautela: mentre Soa rappresenta sicuramente una buona base per implementare la fusione dei processi dell?impresa, non dobbiamo dimenticare che comporta anche nuove sfide. Per esempio, i fornitori di servizi e gli utenti possono bloccarsi in maniera indipendente, mentre errori di recovery in una rete di servizi indipendenti possono richiedere uno sforzo di ripristino molto complesso.

Anche la gestione delle modifiche diviene più complesa ? che cosa succede quando viene modificato un servizio utilizzato da un processo derivante dalla fusione di più servizi? Quindi, la sicurezza e la gestione di processi che comprendano l?intera impresa superando i confini organizzativi interni, debbono essere affrontate con un nuovo approccio, che estenda in maniera significativa la prospettiva con la quale la maggior parte delle organizzazioni affrontano questi problemi.

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte) - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer