Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Aprile 2006

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)

Max Dolgicer by Max Dolgicer

In questi giorni di attenta revisione di tutte le spese It, dobbiamo continuare a domandarci quale sia il contributo dell'It alle capacità complessive dell'impresa? Molti dei processi operativi fondamentali sono stati già automatizzati, per esempio attraverso l'implementazione di sistemi Erp (Enterprise Resource Planning) e Scm (Supply Chain Management). Spesso sono necessari miglioramenti, ma si tratta di rendere più semplice l'attività dell'impresa, non di aggiungere nuove capacità. Gli investimenti in It possono essere utilizzati per realizzare nuove applicazioni che, normalmente forniscono all'impresa solamente limitate funzioni aggiuntive che risolvono necessità di nicchia. A questo punto, bisogna domandarsi dove sia maggiormente necessario il supporto It. Attualmente, due dei problemi maggiori con i quali si confrontano la maggior parte delle imprese sono la pressione competitiva per muoversi verso l'impresa in real time (Rte -Real Time Enterprise) e la capacità di raggiungere nuovi livelli di agibilità e di adattabilità. Lo scopo della Rte è di ridurre in modo significativo l'intervallo di tempo tra il momento in cui avviene un evento e il completamento delle attività richieste all'impresa per rispondere all'evento stesso. Un esempio tipico può essere quello della richiesta di un preventivo di polizza assicurativa, che normalmente attiva un processo di elaborazione batch notturno. In una Rete, questa richiesta verrebbe elaborata subito, dando luogo a una risposta immediata. Molte imprese non avevano questa necessità cinque anni or sono, ma la pressione competitiva attuale le spinge sempre di più verso una visione Rte. Bisogna però considerare che l'implementazione di una Rte non garantisce di per sé adattabilità e agilità all'impresa. La Rte influisce sulla velocità di completamento dei processi dell'impresa, mentre agilità e adattabilità riguardano il tempo necessario per l'attivazione di nuovi processi o per modificare quelli esistenti, in modo da reagire ai cambiamenti delle condizioni di mercato. Secondo Gartner, un ingrediente fondamentale per realizzare Rte, agilità e dattabilità è costituito dalla fusione dei processi. Questa è la loro definizione di fusione: "La fusione dei processi dell'impresa consiste nella trasformazione delle attività dell'impresa, da raggiungere integrando preventivamente i processi autonomi per fornire una nuova prospettiva alle capacità del management". Cerchiamo di vedere quello che questa definizione tenta di esprimere. Il risultato della fusione dei processi dell'impresa è la trasformazione delle sue attività, in modo da allinearle con i principi della Rte, dell'agibilità e dell'adattabilità. In altre parole, le attività dell'impresa verranno condotte in (quasi) real time, saranno rapide da implementare e semplici da modificare. Questa trasformazione è ottenuta integrando processi multipli, precedentemente isolati, che attraversano i confini organizzativi e manageriali interni dell'organizzazione. Questa integrazione crea un nuovo processo interconnesso, che unisce (fisicamente) processi connessi strettamente ma (in termini di business) dipendenti. I processi così interconnessi consentono lo sviluppo di nuove capacità di management; per esempio, l'impresa adesso può offrire soluzioni che risultano dalla combinazione di parecchi prodotti e/o servizi. Altri esempi comprendono l'integrazione dei processi di business, dalla formazione del prezzo all'acquisizione dell'ordine e alla fornitura del servizo nel settore delle telecomunicazioni, oppure, in quello manifatturiero, l'integrazione dei processi dalla ricerca alla progettazione, costruzione e marketing del prodotto La fusione e l'Architettura Orientata al Servizio Come può l'It supportare la fusione dei processi dell'impresa? La fusione richiede un 'architettura It che vada oltre un insieme tradizionale di applicazioni. L'architettura deve essere orientata alla granularità del servizio all'impresa, piuttosto che a grandi applicazioni che implementano una quantità di funzioni dell'impresa - questi sono gli aspetti fondamentali. Una volta che la logica dell'impresa è stata affrontata sotto forma di servizi, allora è possibile comporre questi servizi in processi interconnessi. Questo ci porta a considerare due importanti concetti che ultimamente hanno raggiunto una grande popolarità: Service Oriented Architecture (Soa) e Service Oriented Development of Applications (Soda), ovvero sviluppo di applicazioni orientate al servizio, all'interno di un'architettura It orientata completamente al servizio. L'architettura Soa sta guadagnando in popolarità soprattutto perché è vista dall'impresa come la chiave per raggiungere agilità operativa, migliore qualità di servizio e un minore costo dell'infrastruttura. Negli ultimi due anni, la maggior parte delle società della lista delle prime 1.000 di Fortune hanno iniziato ad adottare l'approccio Soa, applicandolo sia per lo sviluppo di nuove applicazioni sia per l'integrazione di quelle esistenti, oppure in entrambi i casi. Molti analisti del settore affermano che queste società adesso siano pronte per il passo successivo - ovvero per un'adozione più sistematica e un allargamento delle pratiche orientate al servizio. Il concetto di Soa non è completamente nuovo e oggi finalmente è arrivato il suo tempo. Soa prescrive servizi dell'impresa strettamente interconnessi, minimizzando le interdipendenze tra i fornitori e gli utenti dei servizi. Richiede interfacce standard, protocolli di accesso standard e una separazione delle interfacce dall'implementazione. Questo può sembrare familiare - anche tecnologie precedenti come quella degli oggetti e componenti distribuiti propugnavano idee simili. In aggiunta, molte imprese hanno sviluppato applicazioni orientate ai servizi usando proprio queste ultime tecnologie. Ma allora, qual è il significato reale di Soa e perché le cose saranno diverse questa volta? Confrontiamo gli aspetti di un' architettura orientata ai servizi precedente l'era dei Web Services, con l'approccio odierno. Un servizio presenta interfacce ben definite e segue la nozione di incapsulamento, cioè l'implementazione del servizio è separata dall' interfaccia e quindi rimane nascosta per il client. Le interfacce dei servizi vengono descritte utilizzando un meccanismo formale. Questi aspetti di un ambiente Soa possono essere trovati nella Common Object Request Broker Architecture (Corba) sotto forma di Interface Definition Language (Idl), così come nel Distributed Component Object Model (Dcom), sotto forma di Microsoft Idl (Midl). Anche J2ee prescrive l'uso del concetto di interfacce ben definite che vengono presentate ai client da Enterprise Java Beans, anche senza l'uso di qualche genere di Idl. Anche se in termini assoluti l'architettura Soa attuale non prescrive l'uso di una specifica tecnologia di implementazione, da un punto di vista pratico i Web Services sono la tecnologia da preferire. In questo caso, le interfacce dei servizi vengono definite usando il Web Services Definition Language (Wsdl), che costituisce una grande differenza nei confronti di Corba, Dcom e J2ee, secondo due aspetti. In primo luogo, Wsdl è divenuto uno standard accettato universalmente che trascende le piattaforme tecnologiche (per esempio, Java, C#, Windows, Unix ecc.), così come è indipendente dalle linee di prodotto dei venditori di software, compresi i forti concorrenti come Microsoft e Sun. Nessuno degli standard precedenti ha mai raggiunto questo stato; hanno sempre rappresentato soluzioni isolate, affette da problemi di portabilità e di interoperabilità. Il secondo e probabilmente più importante elemento di differenziazione è rappresentato dal fatto che l'architetttura Soa di oggi prescrive interfacce meno rigide e quindi più affidabili. Nel caso delle tecnologie precedenti, un piccolo cambiamento nell'interfaccia di un servizio è sufficiente per bloccare il client che lo stia utilizzando. Questo avviene perché non abbiamo a che fare realmente con l'interfaccia del servizio, ma piuttosto con una procedura di chiamata e riconoscimento che il client deve seguire per invocare un metodo, oppure un oggetto o un componente. La più piccola modifica in questa sorta di firma di chiamata rende quest'ultima invalida. Inoltre, gli oggetti sono fortemente caratterizzati, i caratteri sono sottoposti a verifica e gli oggetti vengono identificati mediante la firma di chiamata, per esempio, mediante gli identificatori di classe oppure di oggetto. In altre parole, applicando questo piccolo cambiamento si crea un tipo di oggetto completamente nuovo. Con i Web Services è possibile espandere l'interfaccia e il client può semplicemente ignorare i nuovi elementi. Per esempio, se un Wsdl per piazzare un ordine comprende una sezione per l'indirizzo del cliente, questa può essere ingrandita aggiungendo, per esempio, il numero del telefono. Poiché Wsdl prescrive uno standard, self-describing service invocation format, il client può determinare quali elementi deve prendere in considerazione e quali deve ignorare. Tuttavia, bisogna fare attenzione. Spesso i Web Services vengono usati con invocazioni del tipo Remote Procedure Call (Rpc), mentre il client fa riferimento a un sistema di generazione di Rpc che traduce la chiamata in un messaggio basato sul Simple Oriented Access Protocol (Soap). In questo caso, la modifica dell'interfaccia del Web Service richiederà un lavoro addizionale. Come possiamo vedere da quanto abbiamo detto fino a questo punto, le interfacce dei servizi in un ambiente Soa basato sui Web Services posseggono alcune importanti qualità che le distinguono da altre tecnologie. Infatti, forniscono flessibilità per le modifiche, stretto collegamento tra fornitore e utente del servizio, così come l'indipendenza dalla tecnologia; un insieme che comporta un alto grado di interoperabilità e di portabilità Queste sono tutte le caratteristiche fondamentali per un'mplementazione efficiente della fusione dei processi dell'impresa. Se uno di questi processi è costituito da un insieme di servizi (invece che da applicazioni monolitiche o da oggetti rigidi), allora possiede queste qualità e sarà molto più facile combinarlo con altri processi per creare un nuovo processo integrato. Segue nel mese di aprile....

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte) - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer