Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Luglio 2015

Project manager vecchi miti e nuove realtà

Aaron Shenhar by Aaron Shenhar

Il project management è un lavoro o una professione? Se si tratta di un lavoro, cosa si deve fare? Se si tratta di una professione, cosa si deve sapere?

Se si è come la maggior parte delle persone, all’inizio si ha un lavoro. Molto probabilmente, si è diventati project manager perché si era bravi nel lavoro precedente, ma questo non significa che si sarà altrettanto buoni come manager. In campi professionali come il diritto, la medicina o la contabilità, non sarà possibile ottenere un posto di lavoro a meno che non si siano prima studiate le materie relative. Nel project management vale il contrario, e quel che è peggio, in molti casi il nuovo incarico e il relativo percorso di carriera sono stati nemmeno definiti. Eppure, che vi piaccia o no, questa transizione rappresenta l’inizio di un processo di auto-apprendimento per tutta la vita.
Anche se queste domande sembrano fondamentali e forse ovvie, vorrei sfidare le credenze comuni e offrire una prospettiva più a lungo termine sul ruolo del project manager e il suo processo di apprendimento. Tradizionalmente, un project manager dovrebbe realizzare il prodotto del progetto (l’output) nei termini prefissati di tempo, budget e portata, cioè in quello che è comunemente conosciuto come il “triplo vincolo”. Inoltre, il o la project manager ha bisogno di imparare una serie di aree di conoscenza e competenze quali la gestione della portata, del rischio, del tempo, e così via, oltre che l’inizio, la pianificazione, l’esecuzione, il monitoraggio, il controllo e altro ancora.
Io ritengo che questo sia un mito, oltre che solo una parte del quadro complessivo. In realtà, nell’ambiente dinamico e impegnativo dei progetti di oggi, i project manager efficaci sono spesso tenuti a fare molto di più. Inoltre, nonostante vi siano a disposizione strumenti noti e affermati, oggi la maggior parte dei progetti riescono a centrare gli obiettivi di tempo e di budget, mentre non vi è qualcosa di più importante degli obiettivi di consegna a breve termine. Penso che il principale obiettivo di ogni progetto sia quello di creare valore nuovo e reale, e/o ottenere i risultati di business attesi dal progetto e gestire l’esito del progetto. Sulla base di questa convinzione si può essere alle porte di una nuova era nella professione, che semplicemente chiede di allineare l’esecuzione dei progetti con il business e di trasformare i manager in business leader: questa era trasformerà la professione nell’arco dei prossimi anni.

Come creare nuovo valore - Anche quando i progetti centrano gli obiettivi di tempo e di budget, molto spesso non si traducono in risultati di business reali. Al contrario, vi sono alcuni progetti che non soddisfano le tempistiche previste ma si rivelano enormi successi commerciali. Se ci si pensa un attimo, si può convenire che ogni progetto è iniziato con una certa idea di business in mente: può essere l’introduzione di un nuovo prodotto, il miglioramento di un prodotto, la creazione di una nuova linea di prodotti, la soluzione di un problema pressante, o il miglioramento dei processi di un’azienda. Semplificando, quasi tutti i progetti vengono iniziati o per fare soldi, o per risparmiarli, o semplicemente per creare nuovo valore. Nell’insieme, potremmo definire ciascuno di questi obiettivi come “l’obiettivo di business” del progetto.
Attualmente, molti team di progetto non sono ancora particolarmente preoccupati del raggiungimento degli obiettivi di business durante il periodo di esecuzione. Normalmente, ricevono gli obiettivi e requisiti di business come stabilito prima del progetto, e continuano a concentrarsi sui tradizionali (e ovviamente importanti) elementi di pianificazione, esecuzione, monitoraggio e realizzazione.
Ma questo sta per cambiare. Mentre gli obiettivi di business iniziali continueranno a essere fissati prima del progetto, il rapido ritmo di evoluzione della tecnologia, della concorrenza e dei mercati, suggerisce che se i team di progetto guardano e capiscono gli obiettivi di business, e - aspetto ancora più importante - continuano a migliorare o anche a modificare il valore incorporato nel prodotto finale, i progetti completati possono rivelarsi irrilevanti quando raggiungono il mercato. Questo è ciò che noi chiamiamo “esecuzione strategica”, e diventerà sempre di più una parte significativa nel lavoro di ogni project manager.

Il capitano della nave - Il project manager dovrebbe essere responsabile del raggiungimento degli obiettivi di business del progetto, oltre alla sua realizzazione puntuale. I project manager dovrebbero cominciare a gestire i loro progetti con una mentalità focalizzata sul business e adottare gli strumenti per farlo. Inoltre, in questa prospettiva, suggerisco di ridefinire un progetto come segue: «Un progetto è un processo temporaneo organizzativo e di leadership impostato per ottenere risultati di business e massimizzare il valore del risultato». Adottando questo punto di vista, i project manager non solo saranno più in sintonia con i risultati dei loro progetti, ma vedranno anche i loro team più impegnati, imparando a contribuire alla creazione del valore finale.
Qualcuno però potrebbe obiettare: «Da quando riteniamo un project manager responsabile per i risultati di business, e se lo facciamo, allora qual è il ruolo dello sponsor, dell’owner o dell’executive? Non è che questo significa contrastare la gerarchia tradizionale e la separazione dei ruoli tra sponsor e project manager»? Beh, non proprio. Il modo giusto è quello di considerare lo sponsor ancora responsabile. Se il progetto fa o perde denaro, il project manager non gode dei guadagni o soffre delle perdite: lo fa l’azienda. Però lui o lei è ancora responsabile del raggiungimento dei risultati, che seguono il periodo di esecuzione. Un’analogia può essere il capitano di una nave. Un capitano è sempre responsabile di portare la nave a destinazione in sicurezza. Ma se la nave è in ritardo, non è lui che paga il prezzo.

Tre elementi determinanti - Infine, cosa dire sulla professione del project management? Adottando questo approccio, la professione può crescere maggiormente. È ora di ampliare le nostre conoscenze e le competenze in nuovi ambiti, pur conservando tutte le conoscenze e gli strumenti tradizionali, come la struttura di suddivisione del lavoro, gli schemi di pianificazione e i diagrammi di Gantt, per citarne alcuni. Quindi quali sono le nuove competenze che possono essere necessarie nella professione estesa? Per rispondere a questa domanda, si può rivolgersi alla ricerca. Dagli studi sui “grandi progetti” e su quelli di maggior successo, abbiamo appreso che questi progetti impegnano tre “nuovi” elementi che attualmente non figurano tra le competenze tradizionali. Il primo si riferisce al lato business. Ogni grande project manager padroneggia tipicamente le capacità di strategia, di business e di creazione di vantaggi competitivi. Il secondo elemento ha a che fare con la capacità di adattamento e suggerisce che i manager di grandi progetti sanno come adattare il loro progetto agli elementi specifici di ambiente, tecnologia e innovazione. Cioè, capiscono che “una taglia non va bene per tutti”, e hanno bisogno di utilizzare il concetto di adattamento per eseguire in modo più efficace i loro progetti. E il terzo elemento riguarda la leadership. I project manager devono diventare leader migliori, che sanno ispirare, motivare e impostare la giusta visione e lo spirito tra i membri del loro team. Accettare questa responsabilità permette di costruire squadre altamente valide e orgogliose, con persone motivate. Ovviamente questi nuovi aspetti richiedono l’adozione di strumenti nuovi e più avanzati, dei quali parleremo prossimamente.
Per concludere, prevedo che la nuova era porterà con sé migliori risultati di progetto, maggiore redditività, superiore soddisfazione del cliente e team più felici.

Project manager vecchi miti e nuove realtà - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer