Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Ottobre 2014

Agilità? Basta Volere

Suzanne Robertson by Suzanne Robertson

Principi e tecniche per valutare la qualità dei requisiti del software e migliorare la capacità di fornire applicazioni utili al business

Se si lavora nello sviluppo di sistemi, soprattutto se si sta sviluppando software, è improbabile che si abbia mai avuto l’idea di essere “agile”. Quello che forse non si sa è da dove derivi il termine: il Manifesto dell’agilità (cioè un insieme di principi) è il risultato di una collaborazione, iniziata nel 2001, tra un gruppo di specialisti di system engineering che si rese conto che le metodologie di sviluppo software e la documentazione avevano l’effetto di rallentare lo sviluppo. In realtà, molti aspetti del modo in cui si stava sviluppando software impedivano di realizzare lo scopo dei veri lavori, che è quello di fornire software prezioso che aiuta i clienti a fare il loro lavoro.
Fin dalla nascita del Manifesto, molti sviluppatori di sistemi, operanti in tutto il mondo, si sono impegnati ad applicare i principi dell’agilità al modo in cui realizzano sistemi. Più di recente, i business analyst e gli specialisti di requisiti hanno preso in considerazione come i principi dell’agilità possono essere applicati quando di scoprono e si comunicano i requisiti di business.
Gli utenti delle tecniche per i requisiti Volere spesso discutono di come le tecniche possono aiutarli a essere più agili. In altre parole, come possono le tecniche migliorare la capacità di fornire applicazioni utili e pertinenti più rapidamente nel loro ambiente? Nel corso di una recente discussione su questo argomento sul gruppo LinkedIn Volere, John Palmer ha suggerito che sarebbe stato utile tracciare un parallelo tra i principi dell’agilità e come le tecniche Volere affrontano ognuno di tali principi. Questo articolo si occupa esattamente di questo.

AFFRONTARE I PRINCIPI DELL’AGILITÀ - Di seguito, vengono elencati (in corsivo) i Principi dell’agilità, seguiti dal modo in cui le tecniche Volere affrontano tale principio.
La nostra massima priorità è soddisfare il cliente attraverso la fornitura tempestiva e continua di software di valore. Volere è basato su principi ben consolidati di system engineering.
Il modello di conoscenza e il template forniscono una struttura linguistica per definire e collegare le proprie conoscenze dei requisiti in un certo numero di livelli. Questa modalità massimizza la libertà di lavorare in qualunque ordine o a qualsiasi livello di requisiti di dettaglio che faciliterà la più tempestiva realizzazione di software.

Benvenuti requisiti in trasformazione, anche nelle fasi avanzate di sviluppo. I processi agili sfruttano il cambiamento per il vantaggio competitivo del cliente.
Non si può aver a che fare con i requisiti in cambiamento se non si sa da cosa si sta modificando. Le tecniche Volere forniscono modi rapidi e trasmissibili per tenere traccia di ciò che si sa e mettono in grado di riconoscere e integrare i cambiamenti indipendentemente da quando accadono.

Fornire frequentemente software che funziona, da un paio di settimane a un paio di mesi, con una preferenza per i tempi più brevi.
Tornare al modello di conoscenza che identifica piccoli e grandi blocchi funzionali che possono essere forniti in modo indipendente pur mantenendo traccia di come si collegano ad altre parti del problema di business.

Le persone di business e gli sviluppatori devono lavorare insieme quotidianamente durante l’intero progetto. Utilizzando le tecniche Volere è possibile raggruppare ed esprimere la conoscenza sui requisiti sia dal punto di vista business sia da quello dello sviluppo. E soprattutto tenere traccia delle connessioni.

Costruire progetti attorno a persone motivate. Creare l’ambiente e fornire il sostegno di cui hanno bisogno, avendo fiducia che il lavoro verrà realizzato da loro.
Le tecniche di sociologia dei progetti supportano le differenze tra le persone e l’importanza che ogni gruppo di progetto abbia una strategia che si adatta al proprio mix sociologico.

Il metodo più efficiente ed efficace per scambiare informazioni verso e all’interno di un team di sviluppo è la conversazione faccia a faccia.
Volere è guidato dai contenuti e non dalla forma. Il nostro approccio, quando possibile, è quello di parlare faccia a faccia e lasciare una traccia se qualcun altro ha bisogno di raccogliere le informazioni. Il percorso dovrebbe idealmente essere il risultato di tenere una conversazione, in qualsiasi forma: blocco note, video, diagramma sulla lavagna, fotografia, libro degli indizi, modello scelto, e così via. In relazione alla sociologia del progetto, questa potrebbe essere l’unica documentazione necessaria.

Un software che funziona è la principale misura del progresso.
Naturalmente. Volere rende tutti i requisiti verificabili in modo che il “funzionamento” può essere dimostrato. Questo è aiutato anche dall’integrazione della prototipazione e della simulazione in qualsiasi fase del processo di sviluppo.

I processi agili promuovono lo sviluppo sostenibile. Gli sponsor, gli sviluppatori e gli utenti dovrebbero essere in grado di mantenere un ritmo costante a tempo indeterminato.
Volere supporta tutto questo, incoraggiando un linguaggio coerente, in modo che tutti gli interessati possano contribuire e condividere il fermento che il progresso offre.

L’attenzione costante all’eccellenza tecnica e buon design migliora l’agilità.
Le tecniche Volere forniscono diversi modi di articolare le alternative progettuali, confrontando e scegliendo il meglio, oltre a favorire il riconoscimento dei buoni modelli di progettazione.

La semplicità, cioè l’arte di massimizzare la quantità di lavoro non svolto, è essenziale.
Le tecniche Volere si concentrano sull’identificazione dell’essenza del problema e sulla selezione delle parti che forniscono il massimo valore di business.

I migliori requisiti, progetti e architetture emergono da team che si auto-organizzano.
Volere fornisce ai team che si auto-organizzano i mezzi per comunicare con l’intera azienda.

A intervalli regolari, il team riflette su come diventare più efficace, e quindi mette a punto e regola il proprio comportamento di conseguenza.
Le tecniche Volere affrontano entrambi gli aspetti, sociologici e tecnologici, e spingono le persone a cercare le ragioni sia tecniche sia sociali per il successo e il fallimento.

IN CONCLUSIONE - Per massimizzare il potenziale di agilità è necessario essere in grado di distinguere le tecniche che supportano la capacità di fornire software di valore da quelle che la inibiscono. Qualsiasi tecnica che costringe a fare le cose in un determinato ordine, a un livello fisso di dettaglio, o in una specifica forma, è una tecnica che inibisce l’agilità. Le tecniche Volere migliorano la capacità di essere agili, supportando il pensiero e la comunicazione con i colleghi, incoraggiando a essere innovativi ed estemporanei. Le tecniche sono basate su solidi principi di system engineering, quali: il partizionamento, il guardare da diversi punti di vista, la comunicazione degli scopi da raggiungere, gli elementi linguistici adeguati al dominio, l’operare astrazioni e i diversi livelli di dettaglio. È possibile lavorare in modo appropriato per il progetto e produrre un percorso della conoscenza come risultato di svolgere il proprio lavoro.

Agilità? Basta Volere - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer