Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Febbraio 2014

Conversando con un marziano

Suzanne Robertson by Suzanne Robertson

Marziano: Salve Terrestre. Mi porta dal suo capo?
Terrestre: Ma ancora quei vecchi cliché? Sta per caso parlando di CEO, CIO, CTO, del capo dei business analyst, del project manager, del program manager, del product owner o del responsabile tecnico?

Veramente mi aspettavo un primo ministro o un presidente. Chi sono tutte queste persone di cui parla?
Tutti hanno un certo impatto sui requisiti per il progetto che sto facendo.

Requisiti? Cosa sono i requisiti?
Requisiti sono ciò che la soluzione deve fare, e come deve farlo. La sua navicella spaziale ha il requisito di essere in grado di viaggiare alla velocità di 25mila km all’ora, in modo da permetterle di fare il viaggio in circa 150 giorni, e deve tenerla comodamente in vita durante il viaggio da Marte.

Ci ho messo 100 giorni. Ma è stato davvero difficile capire il sistema di navigazione.
Questo è il risultato di un cattivo lavoro sui requisiti. Ci sono anche i requisiti ambientali riguardanti il freddo che si sarebbe trovato durante il viaggio, e i requisiti di sicurezza su chi potrebbe usare quali controlli, per non parlare dei requisiti di legge che avrebbero indicato che l’astronave non è parcheggiata correttamente in strada. Ma c’è molto di più. Io uso questo modello “Volere”, che mi aiuta a fare tutte le domande giuste.

“Volere”? Cos’è?
È un framework che molti utilizzano quando scoprono i requisiti. Trovo utile avere una guida senza essere vincolati da un processo formale. Mi piace molto.

Che cosa c’è di diverso?
In primo luogo, si fa una distinzione tra il lavoro e la soluzione. Il lavoro è l’attività che l’organizzazione sta facendo e la soluzione è l’automazione (o qualcos’altro) che è concepito per migliorare il lavoro.

Come si può sapere quale soluzione migliorerà il lavoro se non si sa in cosa consiste?
Esatto. È importante avere una chiara comprensione del lavoro e separarlo dalla tecnologia di qualsiasi soluzione alla quale si potrebbe pensare.

Come si fa a farlo?
Io uso questo modello “Brown Cow” che mostra ogni punto di vista e mi permette di vedere in qualsiasi momento esattamente quello che io e i miei stakeholder hanno bisogno di vedere.

Brown Cow?
Sì, magari dopo le spiegherò perché si chiama “Brown Cow”. Ma quello che mostra è una separazione della vista tecnologica, il Come, dall’essenza astratta, il Cosa. E poi si separa ulteriormente l’Ora dal Futuro. Rende davvero facile vedere di che cosa si sta parlando, e rende più facile comunicare con gli stakeholder.

Pensavo che “essenza” fosse un concentrato di una pianta.
Sì, in effetti ha anche quel significato, ma qui si intende il core del lavoro come se lo si potesse vedere senza alcun tipo di tecnologia abilitante. Cioè la filosofia sottostante, se vogliamo.

Voi terrestri siete così orgogliosi della vostra tecnologia. Ma perché bisogna vedere il lavoro senza la sua tecnologia?
Serve per vedere che si sta risolvendo il problema giusto, e non si sta solo utilizzando una soluzione interessante. Moltissimi progetti falliscono perché costruiscono una buona soluzione per il problema sbagliato.

Forse questo è il problema che abbiamo su Marte. Basta che diciamo cosa vogliamo e questo compare. Di solito si ottiene quello che diciamo di volere, ma poi si scopre che non è quello che ci serve. Se scoprissimo le nostre esigenze come fate voi terrestri, questo migliorerebbe le cose per noi?
È probabile, ma è necessario assicurarsi che si sta vedendo il vero problema e non solo parlando di una proposta di soluzione.

Noi marziani abbiamo “abstractOvision”, che voi potreste chiamare visione a raggi X. Possiamo vedere la ragione di fondo, guardando ogni soluzione.
Sarebbe utile, ma noi terrestri dobbiamo costruire modelli che ci facciano vedere l’essenza senza la sua tecnologia, perché è molto più facile guardare ogni vista separatamente. Non è così difficile da fare, ma bisogna pensarci un po’.

Voi terrestri parlate di pensare molto. Per esempio, cos’è il “Pensiero Sistemico”? È simile al modo in cui noi marziani pensiamo?
Forse, o anche meglio. Il pensiero sistemico (o dei sistemi) si ha quando si guarda la totalità di un sistema di business per garantire che se si cambia un componente non si influenza un altro. Inoltre, si potrebbe scoprire che un cambiamento vantaggioso per una parte del sistema significa che si apre un’opportunità in un’altra parte. Vuol dire che si guarda all’intera portata del lavoro.

Come si fa a sapere di avere davanti l’intera portata del lavoro?
Ecco dove “Volere” si dimostra particolarmente utile. Ho realizzato questo diagramma di contesto che mostra il lavoro e come si inserisce nel mondo che lo circonda. Questo mi permette di sapere esattamente quanto è ampio lo spazio di lavoro. Alcune delle aree problematiche sono grandi.

Grandi? Ma come si trattano i grandi problemi?
Ovviamente si dividono in più piccoli. Il mio metodo di suddividere il lavoro è utilizzare gli eventi di business.

Eventi di business?
Sì, eventi di business: sono le cose che accadono al di fuori del lavoro. Se guardo un evento di lavoro alla volta, vuol dire che sto vedendo il lavoro come lo vedono i clienti che ne sono al di fuori. Si tratta di un modo più naturale di suddividere.

Cosa si fa dopo aver suddiviso il lavoro?
Studio ogni partizione per giungere a un accordo con le parti interessate su ciò che tutti noi vogliamo e soprattutto abbiamo bisogno che il lavoro sia. Una volta che sappiamo che siamo in grado di cercare la soluzione ottimale, scriviamo sia scenari di utilizzo dei prodotti sia schede di eventi.

Schede di eventi?
Sì, scrivo un evento su una scheda come questa: “Come cliente della banca posso effettuare proiezioni sul mio bilancio in modo da poter vedere quello che mi rimane da spendere questo mese”. Questa scheda funge da segnaposto per i requisiti che si dipanano in una conversazione tra gli sviluppatori, il business analyst e alcuni degli stakeholder aziendali. Però, posso anche scrivere i requisiti utilizzando questa “snow card”.

“Snow card”?
Sì, è un modo per catturare i requisiti, per sapere perché i requisiti esistono e come misurarli, per poterli testare quando lo sviluppatore li realizza. Questo è ciò che definiamo un criterio adatto.

Come funziona un criterio adatto?
Supponiamo che io stia costruendo un sistema smart card per il trasporto urbano, e che io abbia un requisito non funzionale, come per esempio “Il prodotto deve essere intuitivo da utilizzare anche per chi lo usa la prima volta”. Ne chiederei la ragione sottostante, e potremmo supporre che questa sia “così la gente non ha esitazioni nell’usarlo e non si blocca alle porte di ingresso dei mezzi”. Vorrei misurare questo, aggiungendo così il criterio adatto, dicendo che “il 90% di chi viaggia per la prima volta passa attraverso il cancello di ingresso entro 3 secondi dal punto in cui si trova a un metro dal gate”. Si tratta di un requisito molto importante, per cui è valsa la pena e la spesa della sperimentazione su un gruppo di viaggiatori rappresentativi.

Ma lei ha parlato di requisiti non funzionali. Di cosa si tratta?
I requisiti funzionali sono ciò che il prodotto deve fare, mentre i requisiti non funzionali specificano quanto bene deve farlo. Per esempio, i requisiti non funzionali coprono aspetti quali il “look and feel”, l’usabilità, l’operatività, la sicurezza e così via. Ce n’è un elenco completo nel modello “Volere”, che può essere consultato online.

Posso vedere senza “online”, se ricorda la nostra vista a raggi X. E sì, questo modello si presenta come un elenco molto completo dei tipi di requisiti.
Lo trovo molto utile, in quanto mi permette di porre tutte le domande giuste, e agli stakeholder consente di capire perché io faccio tutte queste domande. Quindi, indipendentente dal fatto che io stia lavorando su un progetto agile o sequenziale, devo sempre trovare ciò che il prodotto deve fare e come deve farlo.

Tutti questi requisiti suonano come una quantità enorme di informazioni che devono essere elaborate da voi terrestri. Come si fa a tenerne traccia?
“Volere” comprende questo modello di conoscenza: una sorta di linguaggio per parlare di requisiti. Mostra tutte le informazioni che è necessario raccogliere, e aiuta a suddividerle in blocchi più piccoli e a utilizzarle per lo sviluppo iterativo. C’è anche un libro: “Mastering the Requirements Process”, anche in versione per Kindle.

Ah, ma io posso vederlo anche “online”: davvero interessante. Ne prenderò una copia su Marte.
Già che è “online”, dovrebbe dare un’occhiata al sito www.technologytransfer.eu, dove vi sono corsi specifici sul tema. Però, se fossi in lei, proseguirei: vedo che la sua astronave sta per essere multata. Ma a proposito, perché parla in corsivo?

Conversando con un marziano - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer