Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Aprile 2013

Perché è meglio evitare il private cloud?

Jason Bloomberg by Jason Bloomberg

Ho avuto il piacere di parlare a due recenti conferenze sul cloud computing: una dal titolo Business of Cloud Computing si è tenuta negli Stati Uniti, l’altra CloudConnect ha avuto luogo in India. Come suggeriscono i nomi e i luoghi di queste due conferenze, la prima aveva un taglio più business-oriented, la seconda uno molto più tecnico. La cosa più interessante che è emersa - e su cui voglio riflettere - è la differente opinione che i due audience hanno manifestato nei confronti del cloud privato. Le persone con un profilo più tecnico considerano la public cloud troppo rischiosa e, di conseguenza, sono dell’idea che le organizzazioni debbano concentrare i propri sforzi nella creazione di un modello di sviluppo di tipo privato. L’audience americano, di contro, privilegia l’approccio public cloud, con talune persone che arrivano a sostenere che questo modello sia l’unico, vero e autentico, approccio al cloud. La distinzione è considerevole e riflette il pensiero di ZapThink. Più ci si focalizza sui vantaggi business del cloud, più aumenta la convinzione che il modello da seguire sia quello pubblico. Più si va a fondo alla questione, più ci si accorge che non esiste nessuna valida argomentazione di tipo business per assecondare un approccio privato.

I problemi del private cloud - Il modo migliore per comprendere i limiti di un modello cloud privato è prendere in considerazione una prospettiva business. Quali sono i business benefit che muovono verso il cloud? Analizziamoli. Il cloud implica un cambiamento da spesa in conto capitale a spesa operativa. Invece di investire in hardware e software si può adottare un modello a consumo. Da spesa capitale l’investimento è traslato in spesa operativa e quest’ultima può essere detratta dalle tasse. Il modello privato non consente tutto ciò, poiché la creazione dell’infrastruttura di data center ricade sull’organizzazione. Significa che il cloud privato comporta un aumento in spesa capitale.
Il cloud consente un migliore utilizzo dei server per fare fronte ai picchi di domanda. Invece di metter a punto data center con capacità server maggiore a quella mediamente utilizzata, ma necessaria per rispondere a eventuali picchi di domanda, si può metter a punto un modello cloud. Un’infrastruttura di questo tipo consente un più efficiente utilizzo della potenza elaborativa grazie all’elasticità con cui possono essere gestiti i picchi di domanda. Questo non si può ottenere con il private cloud a meno che la vostra organizzazione sia talmente grande da prevedere che la cloud possa essere condivisa da più divisioni. Tuttavia, anche in questo caso, nell’ipotesi di un evento di picco di traffico generalizzato, potrebbe verificarsi un problema di insufficiente disponibilità di potenza elaborativa. Se associato a nuovi progetti, il cloud permette di avere un costo di infrastruttura molto basso. Anche questo è un concetto che funziona molto meglio nella public cloud. Quanti di questi progetti prevedete che possano realmente esistere? Se non stiamo parlando di un numero di progetti nell’ordine delle centinaia o migliaia di nuovi progetti, il private cloud non è sicuramente la risposta migliore.

Il vantaggio di elasticità del cloud - In una dimensione privata, l’idea di poter disporre di una capacità infinita è un’illusione. E’ un’illusione pensare di avere sempre disponibili risorse cloud aggiuntive per rispondere a nuove e impreviste domande. Il vantaggio pieno dell’elasticità del cloud lo si può apprezzare soltanto in cloud pubbliche. Se qualcuno dei vostri sviluppatori ha la brillante idea di rendere disponibili migliaia di istanze di macchine virtuali o un petabyte di storage per un progetto big data e la vostra private cloud non lo permette, che fate?
Non è vero che il private cloud può competere con l’efficienza di costo che può essere garantita da una public cloud. Provider leader, come Amazon, Microsoft Azure, Rackspace e altri vantano enormi economie di scala e operano su margini ristrettissimi. Se riescono a raggiungere maggiore efficienza, abbassano i prezzi. Seguono una logica della guerra del prezzo per ragioni ovvie: per far sì che i piccoli player non siano competitivi e per mettere fuori gioco i competitor più grandi. Non ha importanza quanto grande sia la vostra private cloud: non potrà mai competere in termini di prezzi con una public cloud.

Il vantaggio di un approccio ibrido - A questo punto l’unico motivo per prendere in considerazione una private cloud è se operate in un mercato altamente regolamentato o con requisiti estremamente vincolanti riguardo alla protezione e alla movimentazione dei dati. Se da una parte è vero che la compliance sta diventando un aspetto sempre più importante nella dimensione cloud, è altrettanto vero che la non piena soddisfazione di queste problematiche costituisce uno svantaggio temporaneo poiché il mercato sta preparandosi a far fronte a questa domanda. Una nuova classe di public cloud provider è all’orizzonte. Si tratta di soggetti che sono indicati come Enterprise Public Cloud Provider, player che stanno mettendo insieme un’offerta che include auditing rigoroso, SLA più trasparenti e vincolanti e una migliore visibilità per tutto ciò che riguarda gli aspetti di regolamentazione a livello di industry. E comunque, anche gli incumbent del public cloud non stanno a guardare. Se ancora non siete in grado di ottenere soluzioni di questo tipo dai big player, potete essere certi che non ci vorrà molto prima che si arrivi a formulare un’offerta adeguata. Se investite nel private cloud per ragioni di compliance, è facile che in futuro ve ne possiate pentire. Vi accorgerete che, con un po’ di attesa, avreste potuto approfittare di un’offerta pubblica alternativa e non, invece, dovere fare i conti con una cloud privata che nel tempo si è rivelata una fonte inesauribile di spesa.
Quindi, esistono motivi per costruire una private cloud? Forse ve ne sono all’interno delle aziende più grandi e, nello specifico, in quelle organizzazioni che possono immaginare che la cloud possa essere sfruttata da tutte le loro divisioni. Se la vostra azienda è grande abbastanza da poter raggiungere economie di scala comparabili a quelle dei public provider, allora, ma solo allora, potrete valutare seriamente l’opzione privata. In questi casi, queste grandi cloud private diventano delle community cloud, poiché molteplici divisioni condividono un provider interno che opera in un modo molto simile a un public cloud. Questo modello può avere senso, per esempio pensando agli Stati Uniti, in ambito federale, poiché in questo caso si potrebbero raggiungere gli stessi livelli di efficienza di una public cloud, mantenendo i benefici di controllo a supporto di molteplici agenzie governative. Tuttavia le virtual private cloud (VPC) possono offrire alle organizzazioni il meglio dei due mondi, poiché associano la logica del public cloud facendo leva su un private network. Molte cloud ibride seguono l’approccio VPC in quanto basate su modelli ibridi on premise/cloud che fanno tipicamente affidamento su reti private. ZapThink prevede che l’approccio ibrido VPC diventerà il modello di sviluppo prevalente nella dimensione enterprise.

Perché è meglio evitare il private cloud? - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer