Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Aprile 2002

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)

Colin White by Colin White

Introduzione
Il punto sullo stato dell'arte della tecnologia dei portali, con la presentazione di un ambiente flessibile per l'attuazione di applicazioni di portale. Obiettivo: vedere più chiaro nella confusione del mercato e di aiutarvi a implementare il vostro portale
L'uso dei portali sta crescendo rapidamente e il gran numero di prodotti corrispondenti rende difficile la scelta. Inoltre, la prevedibile prossima saturazione del mercato dei portali consiglia di osservare attentamente il crescente numero di acquisizioni e di fallimenti di prodotti.
Tenendo conto della volatilità del settore, è importante che le organizzazioni costruiscano un ambiente di portale flessibile, in grado di adattarsi ai cambiamenti del mercato e all'evoluzione dei prodotti.
Un ambiente di portale aiuta anche a risolvere i problemi di integrazione, poiché la tecnologia specifica viene inserita all'interno di aree software tra loro collegate, come i server applicativi Web, i pacchetti software di e-business e il software d'integrazione delle applicazioni dell'impresa.
Perché dotarsi di un ambiente di portale
Come molte altre soluzioni IT, le applicazioni di portale possono essere realizzate bottom-up oppure top-down. L'approccio bottom-up, ovvero dal basso verso l'alto, ne favorisce la diffusione rapida, consentendo a ciascun gruppo o dipartimento all'interno di un'organizzazione di implementare il proprio portale, senza doversi occupare di problemi come l'integrazione delle applicazioni di portale all'interno dell'architettura generale dell'impresa, oppure della creazione di una terminologia comune di portale applicabile all'intera organizzazione.
L'approccio top-down, al contrario, prende in considerazione un'attenta valutazione delle necessità dell'intera impresa, in modo da definire un ambiente unico che consenta l'integrazione delle applicazioni di portale all'interno di una soluzione univoca per l'intera impresa.
Qual è l'approccio migliore? La risposta può essere diversa a seconda dell'organizzazione, poiché dipende largamente dal budget e dalla capacità del Dipartimento IT di forzare l'adozione di standard validi per tutta l'impresa.
La soluzione ideale è adottare contemporaneamente entrambi gli approcci. I progetti di portali individuali dovrebbero essere incoraggiati per acquisire esperienza nell'implementazione dei portali, fissando i valori di "soglia di efficienza" e consentendo un rapido ritorno sugli investimenti (ROI).
Queste soluzioni individuali dovrebbero, nel medesimo tempo, essere inserite in un ambiente di portale federativo, come è indicato nella Figura 1. Come abbiamo già detto, un ambiente di questo tipo è essenziale per adattarsi al cambiamento delle forze agenti sul mercato e all'evoluzione dei prodotti.
Figura 1
Per supportare un ambiente di portale federativo, i prodotti software debbono fornire una piattaforma di sviluppo dotata di interfacce e servizi aperti, tali da consentire agli sviluppatori di personalizzare sia le interfacce Web degli utenti che gli adattatori del portale utilizzati per accedere alle applicazioni e alle informazioni dell'impresa.
Come supportare l'e-Business
La maggior parte delle imprese puntano inizialmente sulla realizzazione di un portale interno dell'organizzazione destinato a fornire ai dipendenti e ai partner una visione personalizzata delle informazioni sull'intranet dell'impresa stessa, oppure dei dati relativi alle risorse umane e così via.
Tuttavia, la crescita nell'uso delle metodologie di e-business ha portato molte organizzazioni a integrare la tecnologia dei portali nei rispettivi sistemi e applicazioni di e-business.
Un portale di e-business consente alle imprese di estendere l'accesso al portale anche a partner commerciali esterni, fornitori e clienti, con un sicuro miglioramento delle comunicazioni e delle relazioni di affari.
Lo spostamento verso l'uso dei portali di e-business ha indotto i venditori di portali ad aggiungere il supporto per contenuti addizionali come, ad esempio, business intelligence,
e-mail, gestione dei documenti di ufficio e applicazioni di back- e di front-office.
Man mano che i produttori provvedono all'evoluzione dei propri prodotti di portale, diviene per loro sempre più difficile supportare l'ampio ventaglio di servizi e contenuti per il portale richiesti dai rispettivi clienti.
Molti venditori, per risolvere questo problema, attualmente forniscono un kit di sviluppo, indicato come PDK (Portal Development Kit), che mette in grado gli sviluppatori di creare prodotti di portale personalizzati e aderenti alle necessità e alle tecnologie dell'impresa (vedi Figura 2)
Figura 2
 
Più di una semplice interfaccia Web
Scopo principale dell'attivazione di un portale è di fornire a ciascun utente una visione personalizzata delle informazioni e delle applicazioni dell'impresa..
Per raggiungere tale obiettivo, un portale deve offrire più che una semplice interfaccia Web verso i dati dell'impresa ma, al contrario, deve possedere un insieme importante di servizi per raccogliere, categorizzare, integrare e personalizzare tali contenuti.
Questi servizi dovranno essere dotati di interfacce aperte che possano essere utilizzate congiuntamente con il kit di sviluppo del portale, sia per estendere che per personalizzare l'ambiente del portale stesso.
Figura 3
Queste interfacce, insieme al PDK, costituiscono la pietra angolare di una piattaforma di sviluppo del portale. La Figura 3 mostra i componenti di una piattaforma di sviluppo del portale ideale.
Il componente servizi di presentazione agisce come interfaccia principale tra l'utente e il portale stesso. Attualmente, la maggior parte dei portali interagiscono con gli utenti via pacchetti HTML spediti a personal computer client, sui quali girano browser Web come Microsoft Internet Explorer o Netscape Communicator.
Alcuni prodotti utilizzano Active-X o Java per migliorare la presentazione dell'interfaccia utente. La maggior parte dei prodotti per portali usano il metodo look and feel per facilitare la personalizzazione delle interfacce in base alle necessità degli utenti.
L'incremento dell'uso di apparecchiature mobili o comunque senza fili imporrà ai prodotti dei portali di supportare un gran numero di apparecchiature e funzionalità web.
La chiave per adeguarsi a queste necessità non è l'aggiunta continua del supporto per ogni apparecchiatura che appaia sul mercato ma, piuttosto, la fornitura di servizi e strumenti all'interno di un kit di sviluppo che consenta agli sviluppatori di incorporare facilmente e rapidamente le nuove funzionalità Web, utilizzando tecnologie come i dati formattati-XML, i fogli di stile XLS e i protocolli di comunicazioni senza fili standard del settore.
Il componente servizi utente controlla le modalità con le quali gli utenti dell'impresa (e altri componenti del portale) registrano e accedono ai contenuti informativi dell'impresa.
I servizi principali forniti da questo componente sono:
Servizi di personalizzazione,
che filtrano il patrimonio informativo dell'impresa, in modo che gli utenti individuali del portale possano vedere solamente le informazioni di loro interesse.
Servizi di sicurezza,
che rinforzano gli standard di sicurezza dell'organizzazione, assicurando che l'utente veda unicamente le informazioni che è autorizzato a conoscere.
Questo aspetto del portale diventerà sempre più importante, in funzione del continuo incremento della profondità e del respiro dei contenuti del patrimonio informativo dell'impresa, patrimonio reso disponibile anche agli utenti esterni.
Servizi di pubblicazione,
che forniscono un meccanismo interattivo agli utenti, per documentare il posizionamento e il significato del contenuto del portale, in modo che possa essere condiviso e reso disponibile per gli altri utenti del portale.

Questa documentazione, o metadata, è memorizzata nella directory del portale, che suddivide i metadati in aree per soggetto, in modo da facilitarne l'accesso. Alcuni prodotti supportano la rilocazione del contenuto pubblicato in un'area denominata portal content store.

Questa capacità è particolarmente utile nel caso in cui, pubblicando un'informazione significativa contenuta su di un computer desktop privato, questa possa essere spostata all'interno di un ambiente condiviso e gestito.
Servizi di accesso e ricerca,
che aiutano gli utenti del portale nella ricerca e accesso ai contenuti del portale stesso.
L'utente naviga all'interno della directory del portale per trovare gli elementi di proprio interesse, utilizzando le informazioni nell'area metadati per identificare e accedere alle informazioni associate.al contenuto principale.
La navigazione tra i metadati può essere attuata sia muovendosi all'interno della directory del portale, che utilizzando i servizi di ricerca per interrogarla. In aggiunta a questa funzionalità, alcuni prodotti forniscono motori di ricerca in grado di operare sul contenuto del portale dell'impresa.
Servizi di abbonamento e di notifica,
che consentono agli utenti del portale di ricevere le informazioni dell'impresa sulla base di una schedulazione periodica (ad esempio, al termine di ogni giornata lavorativa), oppure di ricevere una notifica (via e-mail oppure tramite messaggi sulla home page utente del portale) quando siano disponibili nuove informazioni o aggiornamenti a quelle esistenti.
Le regole di schedulazione e notifica valide per ogni singolo utente sono memorizzate all'interno del profilo utente nella directory del portale.
Servizi di collaborazione,
che offrono strumenti adatti a consentire comunicazioni reciproche tra gli utenti del portale. Esempi di questo tipo comprendono la condivisione dell'agenda, i gruppi di discussione, le teleconferenze e simili.
Servizi di workflow,
che consentono agli utenti del portale di definire e gestire un insieme di attività intercorrelate dell'impresa.
Ciascuna attività all'interno del workflow viene attivata al termine del completamente di un'altra che la preceda nel flusso operativo schedulato.
Le attività di elaborazione possono usare i servizi del portale per accedere alle informazioni dell'impresa, per lanciare programmi applicativi, inviare messaggi e creare transazioni operative.
Il componente gestione dei contenuti gestisce la directory del portale e la memoria del contenuto del portale.
La directory costituisce la pietra angolare di un portale, poiché opera come mappa di riferimento per il completo dominio del contenuto informativo dell'impresa (ad es.: informazioni, applicazioni e esperienze) che può essere visto dagli utenti.
La documentazione, ovvero i metadati, relativa a questo patrimonio informativo è mantenuta nella directory del portale mediante l'uso di un'interfaccia che consente ai servizi e strumenti, sia del portale che esterni, di creare e di modificare gli agganci alla directory del portale.
 

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte) - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer