Articoli del meseArticoli del mese

Articoli del mese


Stampa articolo

Articolo del Mese - Febbraio 2013

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile

James Hobart by James Hobart

Diversi nostri clienti sono impegnati nel rendere disponibili soluzioni di mobilità alla propria forza vendita. Sono interventi e investimenti che devono essere valutati attentamente poiché la progressione nell’utilizzo dei device e le relative dinamiche di cambiamento che interessano il mercato mobile, sono profonde e in continuo divenire. E’ un cambiamento con implicazioni ancora maggiori di quelle che si sono verificate con l’affermazione delle tecnologie web alla fine degli anni Novanta. Un fenomeno che spinge le organizzazioni ad adottare rapidamente una strategia mobile sostenibile, ossia una strategia che possa avere un impatto positivo e duraturo nel tempo e che possa creare un reale valore rispetto al business di riferimento. Prima di definire una strategia mobile è quindi fondamentale tenere in considerazione alcuni importanti aspetti.

Applicazioni native o web-based? -Molti clienti hanno iniziato a muovere i primi passi nella dimensione mobile creando un “proof of concept”, un prototipo applicativo che servisse a verificare la fattibilità e sostenibilità nella creazione e utilizzo di un’applicazione nativa per iPhone. Ciò che si è immediatamente evidenziato è che il costo e l’impegno in termini di sviluppo del codice erano maggiori di quelli ipotizzati inizialmente. Gli utenti hanno accolto con favore la nuova applicazione mobile, ma hanno iniziato a richiedere più funzionalità e supporto su più tipi di dispositivi. Si trattava, quindi, di trovare un budget sufficiente a sostenere l’iniziativa e si doveva scegliere se privilegiare un deployment limitato o scegliere una strategia differente. Quale? Ebbene, con l’introduzione di HTML-5 le aziende hanno iniziato a mettere in discussione la validità di un approccio di sviluppo nativo, orientato al singolo dispositivo. Applicazioni web-based HTML-5 permettono, infatti, la portabilità delle app attraverso differenti dispositivi e rendono disponibili feature che in precedenza erano solo accessibili in ambienti di sviluppo nativi, dando modo, grazie all’impiego di tecnologie come CSS3 e MediaQuery, di personalizzare la user experience e ottimizzarne l’utilizzo sui singoli dispositivi e piattaforme.

Quali device supportare? - Le aziende cui abbiamo fatto riferimento in precedenza confidavano di poter adottare una logica di sviluppo 80/20, logica che avrebbe permesso di rendere disponibile un’app iPhone a un 80% dei dipendenti, in quanto era quella la piattaforma, iOS, e quel device, l’iPhone, a essere in maggioranza utilizzati o previsto di utilizzare. Corretto, ma il problema è che con l’evolversi delle dinamiche di mercato, accanto alla piattaforma iOS, stanno progressivamente acquisendo spazio dispositivi Android e, in prospettiva, Windows Mobile. Per quest’ultima piattaforma si ipotizza che, da qui a cinque anni, la share di mercato possa essere dell’ordine del 25%. Un processo di diversificazione che deve essere necessariamente tenuto presente nel momento in cui un’azienda deve impostare una strategia BYOD (bring your own device) che contempli, appunto, la possibilità di utilizzare una molteplicità di dispositivi mobile. Naturalmente le scelte e le decisioni dipendono anche da variabili specifiche alle singole organizzazioni. Per esempio l’area geografica in cui si presume le applicazioni debbano essere utilizzate, oppure l’utilizzo prevalente - professionale o meno - del dispositivo stesso. Una conoscenza dettagliata del target di utenti è fondamentale per potere prendere delle decisioni.

Livello di competenze e timeline - Gli sviluppatori amano le nuove tecnologie ed è probabile che nella vostra organizzazione vi sia un buon numero di professionisti IT che non vede l’ora di acquisire competenze nella creazione di applicazioni mobile. Ma rimane il problema di quale strategia adottare. Scegliere una strategia di sviluppo nativo può rivelarsi un processo lungo e complicato in quanto si devono creare delle forti competenze su SDK delle singole piattaforme - iOS, Android e Windows Mobile - così come assumere un maggior impegno riguardo alle interazioni architetturali e di sicurezza. L’acquisizione di queste competenze può inoltre compromettere la rapidità di sviluppo che viene spesso richiesta da una strategia mobile. Non irrilevante è poi il tempo che si dovrà necessariamente dedicare all’ottimizzazione della user experience su più piattaforme target e dispositivi.
                                                        
Costi di gestione - L’abbiamo già detto, ma è utile ripeterlo: le applicazioni mobile sono diverse dalle tradizionali applicazioni web. Gli utenti si attendono frequenti aggiornamenti e miglioramenti, almeno 4 all’anno, e hanno alte aspettative in termini di qualità e facilità d’uso. Aggiungere delle feature a una mobile app associata ad applicazioni enterprise può rivelarsi un’operazione costosa e complessa. E i costi possono diventare esponenziali, considerato che si dovranno gestire molteplici piattaforme e molteplici device per ogni singola piattaforma. 
Mini app o MEAP - Per gestire questa complessità, molti nostri clienti del settore finance stanno deviando dall’originale strategia orientata allo sviluppo di applicazioni native per puntare verso una forma di deployment in una logica MEAP (mobile enterprise application platform) declinata, per esempio, dalle piattaforme di vendor enterprise come Verivo e Sybase per gestire molti dei problemi infrastrutturali relativi alla distribuzione di applicazioni mobile. Questo fa sì che la stragrande maggioranza di codice e dati possa risiedere su server enterprise e che questi forniscano il client HTML-5 per garantire fruizione dell’app sul singolo device. Altre organizzazioni, invece, stanno creando un ristretto insieme di mini app native indirizzate a un limitato numero di task in modo da distribuire soluzioni mobile dove più opportuno, utilizzando feature e tecnologia specifica del singolo dispositivo. L’esatta comprensione di ciò che realmente serve ai vostri utenti potrà aiutare a decidere quale delle due strategie privilegiare, se quella di una robusta mobile application platform piuttosto che quella riferibile a un piccolo insieme di applicazioni native.

Conoscere le esigenze dell’utente - Considerato l’enorme numero di possibilità che può offrire una strategia mobile, è importante comprendere il modo in cui lavorano i vostri utenti e quali possono essere le soluzioni che possano garantire maggiore efficienza e produttività. Ciò significa avere conoscenza esatta del modo in cui lavorano e creare una vera e propria documentazione che possa servire per sviluppare una soluzione coerente con le loro esigenze. Ricordate, sempre e comunque, che le app mobile hanno implicazioni del tutto diverse dalle web application. Dall’esperienza fatta presso i nostri clienti, ci si rende rapidamente conto che l’utilizzo dei dati da parte degli utenti mobile è molto diverso da quello che avviene in contesti di applicazioni web tradizionali. Una volta che ci si è fatta un’idea precisa delle esigenze dell’utente raccomandiamo di sottoporre gli utenti a un test di usabilità. Questo approccio faciliterà la verifica di eventuali aggiornamenti di feature e design funzionale. Distribuita l’applicazione, occorrerà fare ulteriori verifiche sul campo per comprendere come effettivamente gli utenti la utilizzano e procedere a eventuali nuovi raffinamenti e generale ottimizzazione. 
Nota: 
Per saperne di più - Da oltre 15 anni, sviluppiamo applicazioni mobile e web per le più importanti aziende mondiali. Abbiamo esperti in user experience che lavorano a stretto contatto con i clienti su progetti di distribuzione di grandi dimensioni con il preciso obiettivo di garantire soluzioni usabili, innovative e performanti. Il nostro insegnamento è un approccio pragmatico ed è frutto dell’esperienza acquisita presso i nostri clienti.

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile - Technology Transfer

Enterprise information catalog. I requisiti per fare la scelta giusta
Mike Ferguson

La nuova era dell’analisi predittiva - Le aziende alla prova del Machine Learning
Frank Greco

Uno sguardo Agile - Per capire il passato e progettare il futuro
Arie van Bennekum

Trasformazione Agile
Se il product owner diventa un collo di bottiglia

Sander Hoogendoorn

Una Fiat o una Ferrari?
Qual è la più adatta per il business digitale?

Barry Devlin

Vincere la complessità dei dati. È l’ora dello smart data management
Mike Ferguson

Big Data e Analytics - Se il machine learning accelera anche la data science
Mike Ferguson

I dati al centro del business
Christopher Bradley

I Big Data forniscono il contesto e la ricchezza predittiva attorno alle transazioni di business Avere dati coerenti e di qualità resta fondamentale per il processo decisionale
Barry Devlin

Cosa c’è dietro l’angolo? Cinque mosse per diventare un digital leader
Jeroen Derynck

Managing information technology Gestire l’IT come un business nel business
Mitchell Weisberg

Data integration self-service Miglioramento della produttività o caos totale?
Mike Ferguson

Project manager vecchi miti e nuove realtà
Aaron Shenhar

La catena alimentare dei requisiti
Suzanne Robertson

Come diventare un’azienda data-centric
Lindy Ryan

Enterprise analytical ecosystem - Come comprendere il comportamento online dei clienti e capitalizzare il valore dei dati nell’era Big Data
Mike Ferguson

Agilità? Basta Volere
Suzanne Robertson

Ma la vostra architettura è efficace?
Mike Rosen

Se il NoSQL diventa SQL
Rick van der Lans

La data quality e l’impatto sul business
Danette McGilvray

Business analysis e regole di business By Ronald G. Ross con Gladys S.W. Lam
Ronald Ross

Usare Scrum su larga scala: cosa cambia?
Craig Larman

Le architetture per ridurre il debito tecnico
Mike Rosen

Conversando con un marziano
Suzanne Robertson

Cosa c’è di nuovo nel project management?
Aaron Shenhar

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il nuovo volto della business intelligence
Shaku Atre

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

I big data cambiano il mercato dei Database Server
Rick van der Lans

Un “superstorm” di informazioni
Barry Devlin

I dieci step per la qualità dei dati
Danette McGilvray

Perché è meglio evitare il private cloud?
Jason Bloomberg

Leonardo da Vinci aveva ragione!
Chris Date

Mobile user experience: Come adottare una strategia sostenibile
James Hobart

Cosa significa occuparsi di architettura?
Mike Rosen

Virtualizzazione dei dati e sistemi di Business Intelligence Agili
Rick van der Lans

Modelli e linguaggi naturali, quale il modo migliore per definire i requisiti?
James Robertson

Extreme Scoping: un approccio Agile all'Edw e alla BI
Larissa Moss

BI², la Business Intelligence al quadrato
Barry Devlin

I test di regressione in ambienti legacy
Randy Rice

Le conseguenze della consumerizzazione e del Cloud
Chris Potts

Come vanno gli affari? Chiedetelo al vostro cruscotto
Shaku Atre

Organizzare team di progetto efficienti in ambienti DW/BI
Larissa Moss

Big Data, come e perché
Colin White

Business Capabilities e l'allineamento del business all'IT
Mike Rosen

Il valore della tassonomia nella ricerca delle informazioni
Zach Wahl

BI, ma il Data Warehouse è ancora necessario?
Colin White

Reinventare la Business Intelligence
Barry Devlin

Il cruscotto delle prestazioni: il nuovo volto della Business Intelligence
Shaku Atre

Modelli e processi di User acceptance testing
Randy Rice

I limiti nel gestire l'IT come un Business
Chris Potts

Le componenti fondamentali del Cloud
George Reese

Metadati e DW 2.0
Derek Strauss

BI Open Source: basso costo e alto valore?
Jos van Dongen

Semplicità e requisiti
Suzanne Robertson

Business intelligence e analisi testuale
Bill Inmon

Extreme Scoping™: approcci agili al DW e alla BI
Larissa Moss

Dalla BI a un'architettura IT di livello Enterprise
Barry Devlin

Ambiente efficiente di ricerca di informazioni
James Hobart

Il Business deve trainare la Strategia IT
Chris Potts

Web database: la questione MapReduce (seconda parte)
Colin White

Web database: la questione MapReduce
Colin White

Misura delle prestazioni. I sette comandamenti
Harry Chapman

Le dieci cose che un architetto deve fare per creare valore
Mike Rosen

Sviluppare applicazioni a prova di sicurezza
Ken van Wyk

The ECM Landscape in 2008
Alan Pelz-Sharpe

Ma chi sono gli operatori dell’informazione?
Colin White

Qualità dell’informazione e trasformazione del management
Larry English

Classificazione sistematica delle informazioni
Zach Wahl

L’uso intensivo del Web nelle applicazioni di Bi
Colin White

Enterprise Search
Theresa Regli

La forza dell'astrazione
Steve Hoberman

La strada verso una BI pervasiva
Cindi Howson

Soa, una strategia di test
Randy Rice

Verso una BI più semplice e a minor costo
Colin White

I contenuti “Killer” del Web
Gerry McGovern

Sviluppo iterativo del software per i Dw
Larissa Moss

Qualità delle Informazioni e Datawarehousing
Larry English

Lo scenario Ecm 2008
Alan Pelz-Sharpe

La nascita del Web 3.0
John Kneiling

Documentazione: il dossier del crimine
Suzanne Robertson

L’impatto del Web 2.0 sui portali delle imprese
Colin White

Le tecniche vincenti di IT Management
Ken Rau

Web 2.0
Ed Yourdon

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

Un approccio alla BI incentrato sui processi
Colin White

Integrare Master Data Management e BI (Parte Seconda)
Mike Ferguson

Integrare Master Data Management e BI (Parte Prima)
Mike Ferguson

Il Project Manager è una Tata
Suzanne Robertson

Web di successo se si conosce il cliente
Gerry McGovern

L'informazione personalizzata
Colin White

La Tassonomia dell'Impresa
Zach Wahl

Managed Meta Data Environment (II parte)
David Marco

Managed Meta Data Environment
David Marco

Migliorare le applicazioni dell'impresa con Web 2.0
James Hobart

La Balanced Scorecard migliora la Performance dell'IT
Harry Chapman

La fusione dei processi dell'impresa grazie a Soa (II parte)
Max Dolgicer

La fusione dei processi dell'impresa grazie a SOA (I parte)
Max Dolgicer

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Dimostrate con i numeri il valore dei contenuti del web
Gerry McGovern

Il Back-end della pianificazione strategica dell'It
Ken Rau

L'audit delle prescrizioni di progetto (II parte)
Suzanne Robertson

L'audit delle prescrizioni di progetto (I parte)
Suzanne Robertson

Il Processo di gestione delle informazioni
Ted Lewis

I requisiti come strumento di gestione dei progetti
Suzanne Robertson

Il futuro è nel contenuto killer del web
Gerry McGovern

Alla ricerca del valore tra i pomodori nell'orto
John Favaro

Rilevare i costi sulla base delle attività
Ken Rau

Un percorso verso l'impresa intelligente (II parte)
Mike Ferguson

Un percorso verso l'impresa intelligente (I parte)
Mike Ferguson

Il Data Store Operativo: un lavoro di martello
Claudia Imhoff

Il data warehouse orientato all'impresa
Michael Schmitz

Dieci punti chiave per realizzare balanced scorecard di successo
Harry Chapman

Content management: i contenuti al primo posto
Gerry McGovern

Applicazioni Web ad alta disponibilità
John Kneiling

Il 2004, sarà l'anno in cui abbandoneremo html?
James Hobart

La tecnologia EII ripropone il data warehousing virtuale?
Colin White

Misurare per Gestire
Ken Rau

Volere è Potere, in Ogni Senso
Suzanne Robertson

Realizzare il CPM e l'integrazione della BI
Mike Ferguson

Tutti i punti della FPA
Koni Thompson

Requiem per il Portale?
Colin White

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (II parte)
Shaku Atre

Business Intelligence: dalla teoria alla realtà (I parte)
Shaku Atre

I portali Corporate e di E-business: la nuova generazione del posto di lavoro
Mike Ferguson

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (II Parte)
David Marco

I 10 errori da evitare nella realizzazione di un Meta Data Repository (I parte)
David Marco

Usare i modelli per acquisire l'esperienza di progettazione
James Hobart

Realizzare l'Impresa Intelligente
Colin White

.NET or J2EE - Choosing the Right Web Services Framework
John Kneiling

Progettare Applicazioni Mobili di Successo
James Hobart

La Sociologia del Progetto: Identificare e Coinvolgere tutti i Partecipanti
Suzanne Robertson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (II parte)
Mike Ferguson

Integrare la Business Intelligence nell'Impresa (I parte)
Mike Ferguson

L'Evoluzione del Portale di e-Business (II parte)
Colin White

L'Evoluzione del Portale di e-Business (I parte)
Colin White

Il Consulente WebEAI: Servizi Web, XML e l'Impresa
John Kneiling

Data Mining: Come Gestire le Relazioni con i Clienti Secondo i Principi del CRM
Weaver James

Articoli del mese - Technology Transfer